rotate-mobile
Giovedì, 1 Dicembre 2022
Cronaca Villorba

Tafferugli dopo Treviso-Roseto: dodici tifosi trevigiani portati in Questura

Identificati anche 20 sostenitori della squadra abruzzese. L'episodio domenica sera, di fronte al "Miscatena" di Villorba: ad innescare lo scontro una bottiglia lanciata da un ultras della Tvb contro il pullman degli Sharks

VILLORBA Dodici tifosi della De Longhi Tvb portati in Questura, altri venti supporters del Roseto identificati. Rischiano tutti una denuncia per "lancio di materiale pericoloso in occasione di manifestazioni sportive" i protagonisti dello scontro avvenuto domenica sera al termine della partita di basket Treviso-Roseto di serie A2 che si era disputata poco prima al Palaverde, con la vittoria dei padroni di casa. La Digos della Questura di Treviso è al lavoro in queste ore per accertare le responsabilità dei tifosi di entrambe le formazioni in questo episodio, consumatosi di fronte al bar "Miscatena" di Catena, a poche centinaia di metri dal palazzetto.

Sono da poco trascorse le 20. Un pullman, con a bordo una quarantina di tifosi degli Sharks Roseto, lascia il Palaverde per dirigersi verso il casello autostradale e raggiungere l'Abruzzo. Quando il mezzo, scortato da due volanti e un'auto della Digos, transita di fronte al bar "Miscatena" sono presenti all'esterno del locale quattro/cinque sostenitori della De Longhi. Volano insulti all'indirizzo del mezzo e non solo. Un tifoso trevigiano afferra una bottiglia e la getta contro uno dei finestrini laterali, mandandolo in frantumi. Il pullman si ferma, le porte si aprono e la situazione degenera.

Gli ultras rosetani fanno esplodere tre potenti petardi, lanciano a loro volta alcuni oggetti e affrontano i rivali che nel frattempo hanno man forte da altri avventori del locale. Nessuno resta fortunatamente ferito; solo le auto di due ragazze saranno leggermente danneggiate. Gli agenti della polizia, con l'aiuto dei carabinieri, calmano gli animi e identificano i protagonisti dello scontro. Per motivi di sicurezza il pullman degli abbruzzesi viene fatto ripartire: il danno al finestrino fortunatamente non pregiudicava la prosecuzione del viaggio.

L'origine della "ruggine" tra i sostenitori della De Longhi e quelli di Roseto ha origini nel gemellaggio della squadra abruzzese con i tifosi la Fortitudo Bologna, acerrimi rivali dei trevigiani. Per tutta la partita gli sfottò tra i due gruppi non sono mancati, con cori e striscioni di scherno.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tafferugli dopo Treviso-Roseto: dodici tifosi trevigiani portati in Questura

TrevisoToday è in caricamento