Commercio illegale: le fiamme gialle sequestrano 375mila mascherine

Operazione della Guardia di Finanza di Treviso in un magazzino di Villorba. Provenienti dalla Cina, i dispositivi erano privi delle necessarie certificazioni previste dal Codice del Consumo e con falso marchio CE

Le mascherine sequestrate

Maxi sequesto di mascherine da parte dei militari del comando provinciale della Guardia di Finanza di Treviso: i sigilli sono stati posti a ben 374.320 dispositivi di tipo FFP2/KN95 e chirurgico, provenienti dalla Cina e non in regola con la normativa in materia di sicurezza di tali prodotti. La merce, commercializzata illecitamente, si trovava in un magazzino di Villorba

Al momento del blitz, i finanzieri si sono trovati di fronte a una quantità impressionante di mascherine, tutte prive delle necessarie certificazioni previste dal Codice del Consumo e con falso marchio CE, che sono state dunque sequestrate. La documentazione fiscale e contabile acquisita ha poi permesso di ricostruire la complessa filiera di produzione e commercio delle mascherine: realizzate in Cina, sono state, successivamente, importate in Olanda, per poi essere vendute a una società svizzera. Questa, come ultimo passaggio, le ha cedute all’azienda italiana che, dopo il dilagare della pandemia, aveva riconvertito la propria attività, nello scorso mese di maggio, al commercio di articoli medicali e dispositivi di protezione individuale.

I due amministratori delle società, svizzera e italiana, responsabili dell’illecita importazione e commercializzazione dei dispositivi non conformi, sono stati quindi segnalati alla Procura della Repubblica di Treviso per i reati di frode in commercio e vendita di prodotti pericolosi. Con quest’ultimo intervento, il numero totale di dispositivi di protezione individuale, sequestrati quest’anno dalla Guardia di Finanza nella provincia di Treviso, arriva a più di mezzo milione, mentre sono quasi 4.000 i litri di gel igienizzante. Tutto ciò a dimostrazione di come la pandemia rappresenti purtroppo, per molti, un terreno fertile da cui trarre facili e ingenti (ma illeciti) profitti. Per tali motivi, continuano le attività investigative delle Fiamme Gialle trevigiane in questo delicato settore, quale fondamentale presidio a tutela sia della salute dei cittadini (che può essere messa in serio pericolo dall’utilizzo di dispositivi di protezione non in grado di arrestare la diffusione del virus), sia della libera concorrenza, a beneficio degli operatori economici onesti, già in sofferenza nell’attuale periodo emergenziale.

2020_11_11_Foto1-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento