rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Cronaca

Piavesella contaminata da saponi, individuata grazie ai droni l'azienda inquinatrice

Mercoledì mattina nel corso d'acqua è comparsa una misteriosa schiuma bianca. Alle indagini, condotte da Noe dei carabinieri e polizia locale di Villorba, ha partecipato anche la polizia locale di Treviso: ad aver causato lo sversamento sarebbe stata un'azienda con sede a nord di Villorba. L'assessore all'ambiente Alessandro Manera: «Serve maggiore attenzione»

Le indagini sul misterioso inquinamento che mercoledì ha interessato il canale Piavesella, condotte dai carabinieri del nucleo Noe di Treviso e dalla polizia locale di Villorba, sono arrivate rapidamente ad una svolta. La schiuma bianca e densa che ha inquinato il corso d'acqua, giungendo fino al fiume Sile (tracce evidenti sono state notate all'altezza del ponte dea Goba e lungo la Restera) è una sostanza di tipo saponi e provengono da un'azienda della zona a nord di Villorba. Fondamentale per circoscrivere l'area da cui proveniva la schiuma inquinante è stato l'utilizzo dei droni della polizia locale di Treviso che hanno individuato dall’alto, controllando i fossati affluenti, il punto da cui usciva la sostanza.


«Contro il titolare, se riconosciuto colpevole, scatterà la denuncia per inquinamento delle acque superficiali -ha sottolineato l'assessore all'ambiente del Comune di Treviso, Alessandro Manera- sperando che la prossima volta faccia maggiore attenzione: le acque dei nostri fiumi vanno preservate, soprattutto in questo moment di siccità!».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piavesella contaminata da saponi, individuata grazie ai droni l'azienda inquinatrice

TrevisoToday è in caricamento