menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le porte San Tomaso e Santi Quaranta: indagini stratigrafiche sul sottosuolo

L'associazione "Treviso sotterranea" ha svolto mercoledì pomeriggio alcuni accertamenti con metodologia georadar: i risultati saranno disponibili tra una decina di giorni

TREVISO L’associazione Treviso Sotterranea, in collaborazione con il Comune di Treviso, nell’ambito del Progetto di studio e documentazione della cortina muraria della città di Treviso (n. protocollo 24781 in data 01.03.2016), sta conducendo uno studio di approfondimento sui vari elementi compositivi del sistema bastionato di Treviso. Con il passaggio dal Demanio dello Stato al Partimonio del Comune delle porte S. Tomaso e Ss. Quaranta, si è deciso di intensificare l’analisi di questi due edifici, sia studiando la documentazione archivistica e le strutture, sia confrontando gli edifici di Treviso con quelli delle altre città fortificate del Veneto.

Da studi ed analisi strutturali, è emersa la convinzione, per una serie di analogie con altre strutture venete, in particolare con porta Ognissanti a Padova, che anche le porte in oggetto siano provviste di un vano scala che costituirebbe l’accesso originario alle casematte direttamente dal sovrastante piano stradale. La nostra associazione, in collaborazione con il Comune di Treviso, desidera verificare tali ipotesi attraverso alcune indagini radarstratigrafiche, unica metodologia in grado di indagare il sottosuolo senza comportare alcun tipo di manomissione del monumento in esame.

Le indagini si sono svolte mercoledì 15 febbraio dalle 9.30 a partire da porta S. Tomaso per poi proseguire a porta SS. Quaranta. Le prospezioni sono state realizzate dalla GEO-cube s.r.l., specializzata nell’esplorazione del sottosuolo, che, dimostrando un grandissimo interesse per questo lavoro, ha offerto la sua opera ad un prezzo agevolato che sarà interamente sostenuto dall’associazione Treviso Sotterranea. Le prospezioni di oggi hanno utilizzato un dispositivo carrellato dotato di antenna bistatica ad alta definizione HDR con frequenza centrale di 450 MHz adatta per indagare a vari metri di profondità.

Il principio di funzionamento della metodologia, il più adatto per questo tipo di indagini, è legato alla propagazione di un’onda elettromagnetica nel sottosuolo; ovvero l’onda elettromagnetica immessa nel sottosuolo dalla superficie per mezzo dell’antenna, subisce un fenomeno di riflessione da parte delle eventuali strutture/manufatti presenti nel sottosuolo e ritorna verso la superficie dove viene registrata e rappresentata a video.

S. Tomaso-2

Questo progetto è una delle diverse attività che l’associazione ha intenzione di promuovere, tutte atte a migliorare la conoscenza sulle porte della città di Treviso e che permetterà di avere una visione più chiara dei rapporti tra Treviso e le altre città fortificate dalla Repubblica di Venezia. L’assessore ai beni culturali Luciano Franchin, intervenuto durante i lavori di indagine, ribadisce il suo sostegno all’associazione dichiarando "Continua con grande impegno il lavoro di Treviso Sotterranea per la scoperta di nuovi aspetti delle Mura di Treviso. Ringrazio il lavoro di questa associazione perché ci mette nella condizione giorno per giorno di avere un rapporto sempre più forte con il più importante monumento della città".

I risultati di queste indagini saranno pronti in una decina di giorni, ma già dalla prima lettura dei dati durante i lavori, sembrano emergere elementi interessanti che permetteranno di avere una conoscenza più approfondita delle due porte. Qualora si individuassero novità rilevanti per la cittadinanza Treviso Sotterranea provvederà ad organizzare una conferenza stampa dove presenterà le scoperte. Il presidente dell’associazione Roberto Stocco, soddisfatto di questo primo risultato raggiunto, desidera ringraziare oltre all’Ammirazione Comunale, tutti i soci e collaboratori che hanno permesso, con il loro sostegno,di fare un passo avanti nella conoscenza delle mura”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Malore dopo la vaccinazione, 57enne ricoverato in ospedale

Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento