Mercoledì, 12 Maggio 2021
Cronaca Centro

Ex pattinodromo, Treviso Sotterranea risponde al Comune: "Progetto inaccettabile"

Posizione di contrarietà alla realizzazione del parcheggio sotterraneo all’Ex Pattinodromo: "Andrebbe a compromettere definitivamente il complesso del sistema bastionato delle mura rinascimentali"

TREVISO Ieri mattina, 15 marzo, l'associazione Treviso Sotterranea è stata ricevuta dal Sindaco Giovanni Manildo e dall’Assessore Marina Tazzer, in seguito alle osservazioni mosse fal gruppo a riguardo del nuovo Piano deglio interventi e la relativa contrarietà per il parcheggio nell’area dell’ex pattinodromo. "Il nostro intervento di mercoledì - afferma il Presidente di Treviso Sotterranea Roberto Stocco - voleva sensibilizzare ulteriormente la popolazione e i componenti del Consiglio Comunale sulla necessità della chiara individuazione planimetrica del sistema bastionato cittadino e la relativa adozione di un vincolo, per garantirne l’integrità e la tutela". 

"Sono state in esso recepite alcune nostre istanze, - continua Stocco - inerenti la valorizzazione del manufatto e la sua fruibilità pubblica, ma non l’apposizione del vincolo sull’intera struttura bastionata, come da noi richiesto. Come già anticipato all’Amministrazione, ci adopereremo attraverso le osservazioni per proporre maggiori elementi di tutela a salvaguardia dell’intera struttura muraria".

"E’ stata invece ribadita ancora una volta, la nostra posizione di contrarietà alla realizzazione del parcheggio all’Ex Pattinodromo, - sottolinea il presidente di Treviso Sotterranea - che andrebbe a compromettere definitivamente il complesso del sistema bastionato delle mura rinascimentali, inglobando il muro di controscarpa, visibile solo all’interno della struttura, e andando contemporaneamente a compromettere il sedime della fossa esterna delle mura cinquecentesche. Riteniamo inaccettabile, soprattutto, che il parcheggio sia costruito a ridosso della cinta muraria".

"Noi abbiamo sempre collaborato in sinergia con l’Amministrazione, - conclude Stocco - mettendo a disposizione informazioni e conoscenze in nostro possesso raccolte in diversi decenni di ricerche ed esplorazioni, come nel caso del Bastione del Castello, operando con l’unico scopo di promuovere e tutelare le mura. Tutte le nostre azioni sono volte a portare avanti questo progetto in cui crediamo profondamente, perché lo riteniamo un patrimonio inalienabile della città".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex pattinodromo, Treviso Sotterranea risponde al Comune: "Progetto inaccettabile"

TrevisoToday è in caricamento