Cronaca Santa Bona / Borgo Domenico Capriolo

Sparatoria in Borgo Capriolo, trovata l'arma del delitto

La pistola era stata abbandonata in un casolare nella zona di Santa Bona da Branko Durdevic, il 36enne che lunedì scorso ha sparato allo zio Joco Durdevic

Nel primo pomeriggio di ieri, giovedì 11 febbraio, gli agenti della squadra mobile di Treviso, a seguito di indagini volte alla ricerca dell’arma presumibilmente utilizzata da Branko Durdevic, per commettere il tentato omicidio avvenuto lo scorso 8 febbraio in borgo Capriolo a Treviso, hanno rinvenuto e sequestrato, all’interno di un casolare abbandonato situato in zona Santa Bona, una pistola semiautomatica, di colore nero, con matricola abrasa. Le ricerche dell’arma sono state supportate anche dall’ausilio della polizia scientifica e unità cinofile specializzati nel rilevamento di esplosivi. Lo zio di Branko, Joco, resta ricoverato in condizioni gravissime al Ca' Foncello di Treviso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sparatoria in Borgo Capriolo, trovata l'arma del delitto

TrevisoToday è in caricamento