Mercoledì, 17 Luglio 2024
Cronaca San Pelaio / Via Pisa

Rifiuti abbandonati, i residenti di via Pisa: «Chiediamo attenzione e considerazione»

Cittadini infuriati contro gli ignoti che continuano a lasciare sacchi di immondizia maleodorante che attira topi e insetti. Il comandante della Polizia Locale di Treviso Andrea Gallo: «Lotta impari perché tra gli eco-vandali ci sono persone che risiedono temporaneamente in zona e soggetti che arrivano da fuori città. Nei primi sei mesi di quest’anno abbiamo fatto già ottanta interventi e controlli con il nucleo antidegrado».

«Chiediamo attenzione e considerazione». Sono esasperati i residenti di via Pisa dove ignoti continuano a lasciare per strada ogni tipo di spazzatura. Ultimo caso in ordine cronologico è una catasta maleodorante, vecchie biciclette a un'auto abbandonata, con ogni probabilità rubata, materiali inerti, sacchi neri dal contenuto sconosciuto, ramaglie che con il calore di questi giorni generano cattivo odore e attirano topi e insetti. «Non ne possiamo più, questo angolo di quartiere è una discarica a cielo aperto» confessano i cittadini a "La Tribuna di Treviso", che ha riportato la notizia.

«Il problema di via Pisa è noto - spiega Andrea Gallo, comandante della polizia locale di Treviso - nei primi sei mesi di quest’anno abbiamo fatto già ottanta tra interventi e controlli con il nucleo antidegrado, ed emesso dieci verbali, sanzionando gli autori che siamo riusciti a individuare, con 400 euro di multa. Ma è una lotta impari perché tra gli eco-vandali ci sono persone che risiedono temporaneamente in zona e soggetti che arrivano da fuori città».

E scatta l'appello che, oltre a Contarina, chiama in causa anche l'amministrazione comunale. «Chiediamo - dicono i residenti - che venga messa in sicurezza l’area, anche rafforzando l’impianto di video sorveglianza per scoraggiare chi viene qui, magari nelle ore notturne, ad abbandonare ferraglia e altri generi di spazzatura»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti abbandonati, i residenti di via Pisa: «Chiediamo attenzione e considerazione»
TrevisoToday è in caricamento