Buffet irregolare: "Sunset" chiuso, denunciato il titolare

Intervento della polizia locale presso il ristorante, lo scorso 10 luglio, su segnalazione di alcuni clienti. Era scattata la chiusura per cinque giorni del locale che però non era stata rispettata. Il ristoratore Andrea Zouin si scaglia contro polizia locale e Comune: «Siete ridicoli, non riapro più»

L'interno del ristorante Sunset

Il locale era stato multato per non aver rispettato la normativa sul buffet self service, con chiusura per cinque giorni. Il titolare non rispetta l'obbligo di tenere chiusi i battenti, riapre dopo tre giorni e viene sanzionato e nuovamente chiuso per cinque giorni. Questa l'incredibile vicenda che ha riguardato nei giorni scorsi il ristorante "Sunset", in zona Fonderia.

Le peripezie per il locale iniziano il 10 luglio scorso quando, su segnalazione di alcuni clienti, la polizia locale ha effettuato un controllo all'ora di pranzo: il cibo, secondo quanto è stato constatato da alcuni agenti in borghese, non veniva servito dai dipendenti come previsto dalla normativa bensì ogni cliente si serviva da solo, violando chiaramente la normativa in materia. Per questo il locale era stato immediatamente chiuso per cinque giorni e multato. Lunedì 13 luglio gli agenti hanno però verificato che il ristorante era ancora aperto, per cui hanno proceduto a contestare una nuova chiusura di cinque giorni. Il titolare, Andrea Zouin, è stato denunciato all’autorità giudiziaria per violazione dell’articolo 650 del codice penale, in quanto non aveva ottemperato all’ordine impartito.

Oggi pomeriggio, lunedì 20 luglio, lo stesso Zouin si è lasciato andare ad uno sfogo che farà discutere contro la polizia locale ed il Comune: «Io dopo la vostra chiusura ho perso metà dei clienti, ci fate passare per persone che seminano virus. Non mi conviene più lottare. Per cosa? Per pagare le tasse? Per fare scontrini? Per mantenere i vostri culi sopra le sedie? No, io chiudo, e se mi tratti come un delinquente, vale tanto la pena cominciare a fare il delinquente. Siete ridicoli, multare le persone che vanno a lavorare è demenziale. Non posso parlare per le gesta stupide degli altri».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Probabilmente noi non riapriremo più -chiude il ristoratore- credo che investire dei soldi in uno Stato nemico sia da deficenti. Ringrazio gli agenti per il loro pronto intervento e ringrazio il Comune di Treviso: qui in zona Fonderia avrete un altro locale chiuso. Probabilmente potreste usarlo per accogliere gli immigrati, visto che vi fruttano bene. Sai più immigrati, più soldi, più peste, più paura, più controlli e più inculate al popolo».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, fugge in treno e lo ritrovano a Bassano

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Male incurabile, il sorriso di mamma Liliana si spegne a 47 anni

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

  • Malore fatale, operaio trovato morto in casa a 42 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento