rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Cronaca Conegliano

Vendeva airpods e smartwatch Apple falsi "porta a porta", truffatore scoperto dai carabinieri

L'episodio qualche giorno fa a Conegliano, coinvolto un 49enne di origini campane. Intanto continua l'allarme delle truffe on line: nove denunciati negli ultimi giorni in tutta la Marca

Ricettazione e commercio di prodotti con segni falsi. Sono i reati di cui dovrà rispondere un 49enne di origini campane che qualche giorno fa è stato sorpreso da una pattuglia dei carabinieri di Conegliano, tempestivamente allertata da un residente, mentre tentava di vendere con la tecnica del “porta a porta” degli articoli di elettronica come airpods e smartwatch risultati contraffatti (riportavano lo stesso numero seriale) a prezzo “super scontato”. Il materiale rinvenuto in possesso dell’uomo, una quindicina di articoli in tutto, è stato sottoposto a sequestro.

Continua intanto l’opera di prevenzione e contrasto alle truffe svolta dai carabinieri del Comando Provinciale di Treviso, sia attraverso un’attività di “web patrolling”, ovvero di monitoraggio della rete, sia attraverso la tradizionale attività di prossimità sul territorio a cura dei 40 Presìdi dell’Arma operanti nella “Marca” trevigiana.

I militari della stazione di Paese, a conclusione indagini avviate a seguito della denuncia presentata da una pensionata 74enne, ha denunciato per truffa un 28enne del salernitano che, dopo aver contattato la vittima attraverso un’app di messaggistica, mediante raggiri l’aveva indotta ad effettuare un bonifico di 300 euro su carta prepagata quale pagamento di una fantomatica polizza assicurativa R.C. auto, rendendosi poi irreperibile.

I carabinieri di Riese Pio X hanno individuato un 59enne campano che dopo aver inviato un falso sms sull'utenza mobile della vittima, un 27enne del luogo, circa presunti illeciti movimenti su conto postale, lo induceva a recarsi presso uno sportello ATM, dove lo raggirava facendosi accreditare la somma di 220 euro su carta prepagata.

A Istrana, militari dell’Arma hanno deferito per truffa un 20enne romano con precedenti che trattando on-line la vendita di un forno a legna per pizzeria, si faceva accreditare su carta prepagata la somma di quasi 800 euro dall'acquirente, una 22enne del trevigiano, per poi rendersi irreperibile senza consegnare il manufatto.

Denunciati nei giorni scorsi dai carabinieri della stazione di Casier, per truffa, due 26enni: le indagini hanno consentito di appurare che gli indagati, fingendosi interessati all’acquisto di un monopattino elettrico posto in vendita su sito on-line da una 36enne del luogo la contattavano e con artifizi e raggiri, nella convinzione di incassare il corrispettivo della vendita, la inducevano ad effettuare una ricarica del valore di 250 euro su carta prepagata intestata e in uso ai due.

Un 33enne palermitano è stato deferito per truffa e sostituzione di persona dai Carabinieri della Stazione di Valdobbiadene: in denuncia, formalizzata nei giorni scorsi, la vittima, un imprenditore 53enne del posto, riferiva di aver ricevuto una mail ove ignoti gli comunicavano un asserito “cambio” del codice Iban di un proprio reale creditore, persuadendolo ad effettuare un pagamento di 6.100 euro indicando un codice IBAN che, da successivi, tempestivi accertamenti, è risultato essere intestato all’indagato. Le investigazioni, condotte in collaborazione con personale della Polizia Postale, hanno così permesso di “bloccare” e porre sotto sequestro almeno una parte della somma presente sul conto corrente del presunto truffatore.

Personale della Stazione CC di San Biagio di Callalta ha deferito un 77enne campano che aveva indotto con raggiri un 65enne del luogo ad effettuare dei versamenti a suo favore per un totale di 1.500 euro. La vittima aveva agito nell’erronea convinzione di ricevere il corrispettivo della vendita di 4 pneumatici, il cui annuncio era stato pubblicato su un sito di e-commerce.

A Montebelluna, militari della locale Stazione, nell’ambito di indagini avviate a seguito della denuncia presentata da un 39enne, hanno individuato un 36enne romano che aveva pubblicato on-line un annuncio di vendita di un ruotino di scorta per auto e che aveva indotto la parte offesa, ad effettuare su carte ricaricabili la somma complessiva di 1.700 euro rendendosi poi irreperibile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vendeva airpods e smartwatch Apple falsi "porta a porta", truffatore scoperto dai carabinieri

TrevisoToday è in caricamento