rotate-mobile
Cronaca

Truffatori nella rete, denunciate sette persone

L'operazione è stata condotta dai carabinieri del comando provinciale di Treviso ed era mirata a contrastare raggiri compiuti ai danni di cittadini della Marca

Negli ultimi giorni i carabinieri del comando provinciale di Treviso hanno proceduto a svariate denunce a carico di truffatori senza scrupoli che sono riusciti a spillare svariate centinaia di euro a ignari cittadini della Marca.

A Col San Martino i militari della locale stazione hanno deferito all'autorità giudiziaria per truffa una 62enne di origini colombiane, con precedenti di polizia, che nello scorso agosto aveva effettuato una telefonata, qualificandosi come operatrice di un istituto di credito non meglio indicato, a una commerciante 41enne di Miane, chiedendole l'autorizzazione ad effettuare il blocco della carta di credito, avendo riscontrato un "fantomatico" prelievo anomalo di 1.200 euro. la vittima consentiva al trasferimento della citata somma che veniva pero' accreditata su sito fraudolento. 

Per truffa in concorso, invece, i carabinieri della stazione di Susegana hanno deferito in stato di libertà un 54enne rumeno residente a Venezia, un varesotto 41enne, una 24enne della bergamasca e un 38enne torinese, tutti con precedenti di polizia. I quattro, dopo aver risposto ad un annuncio pubblicato su un portale di vendita online, fingendosi interessati all’acquisto di un frigorifero posto in vendita da una 69enne di Mareno di Piave al prezzo di 450 euro, mediante artifizi e raggiri inducevano la vittima ad effettuare ricariche su 5 carte postepay a loro intestate per un totale di 2.250 euro.

Infine, al termine di accertamenti, i carabinieri della tenenza di Oderzo hanno denunciato  per truffa in concorso un 41enne di Teramo con precedenti di polizia e una 74enne torinese. Le indagini sono scaturite a seguito della denuncia presentata da un 44ennne rumeno che nel gennaio scorso aveva pubblicato su un portale di offerte online  l'annuncio per la vendita di 4 pneumatici invernali completi e relativi cerchi, al prezzo di 400 euro venendo raggirato dalla coppia che induceva la vittima ad effettuare versamenti su due carte ricaricabili per un totale di 1250 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffatori nella rete, denunciate sette persone

TrevisoToday è in caricamento