menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra il capo di gabinetto della Questura, Immacolata Benvenuto, e Marco Masia, dirigente della sezione volanti della polizia

Da sinistra il capo di gabinetto della Questura, Immacolata Benvenuto, e Marco Masia, dirigente della sezione volanti della polizia

Preso a bastonate da uno straniero: 30enne salvato dalla polizia

Il fatto è avvenuto mercoledì, alle 13, in via Pisa a Treviso. Vittima un trevigiano che ha riportato ferite guaribili con trenta giorni di prognosi. Arrestato dagli agenti delle volanti un nigeriano irregolare, senza permesso di soggiorno

Aggredito, spintonato a terra, preso selvaggiamente a bastonate e derubato del cellulare. Una rapina violenta e brutale quella di cui è rimasto vittima un trevigiano di 30 anni, residente nella zona di via Pisa a Treviso. L'episodio è avvenuto ieri, mercoledì, poco dopo le 13. A malmenare l'uomo è stato un nigeriano di 30 anni, J.S., irregolare: lo straniero è stato disarmato e arrestato dagli agenti delle volanti della polizia. Ora l'africano di trova rinchiuso nel carcere di Santa Bona e deve rispondere del reato di rapina e danneggiamento aggravato. I poliziotti sono intervenuti appena in tempo: il trevigiano ha riportato ferite su tutto il corpo, guaribili con una prognosi di circa 30 giorni. Le conseguenze per lui, vista la violenza del bandito, avrebbero potuto essere ben peggiori.

volante-2

Il trevigiano, quando è stato assalito dal nigeriano, era al telefono proprio con la centrale operativa del 113. Qualche minuto prima delle 13. alla porta del suo appartamento, aveva bussato una ragazza, molto spaventata, che gli aveva riferito che un uomo di colore stava prendendo a calci e pugni il portone del suo condominio e che era stata insultata e minacciata. Il 30enne è quindi sceso e, dopo uno scambio di reciproci insulti con lo straniero, ha contattato la polizia descrivendo il malvivente, raccontando quel che stava accadendo e seguendolo a piedi. Il nigeriano si è quindi nascosto, accovacciandosi dietro una siepe: da qui è poi sbucato, armato di bastone, per colpire il trevigiano. Gli agenti hanno salvato appena in tempo il 30enne, dimesso alcune ore dal pronto soccorso del Ca' Foncello dopo le medicazioni a cui è stato sottoposto.

Lo straniero è già noto alle forze dell'ordine: qualche giorno fa era stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale per aver aggredito, a bordo di un treno, un controllore di Trenitalia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

social

Le voci più belle del Festival di Sanremo sono venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento