rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024

Sfratti, alta tensione in viale Francia: barricate fuori dal Comune

Venerdì di fuoco a Treviso dopo l'intervento in mattinata degli agenti della squadra mobile di Padova per sgomberare un appartamento Ater. Caminantes prima si oppone alla polizia, poi blocca l'ingresso al municipio. Il sindaco: «Solleciti inascoltati»

Venerdì rovente a Treviso, non tanto per le temperature estive registrate oggi in città ma soprattutto per la questione sfratti dopo lo sgombero avvenuto in mattinata in viale Francia all'interno di un appartamento gestito da Ater.

Lo sfratto

Sul posto sono intervenuti, in assetto antisommossa, gli agenti del reparto mobile di Padova che si sono trovati davanti però i manifestanti di Caminantes, l'associazione da tempo in prima linea sulla questione sfratti in città. Già protagonisti di un'occupazione pacifica dell'androne di Ca' Sugana lo scorso 5 aprile, i manifestanti arrivati in viale Francia hanno cercato di impedire agli agenti di effettuare lo sgombero. Urla e spintoni hanno acceso il clima già rovente fuori dall'appartamento. «Con venti appartamenti di Ater sfitti solo in questa via dovevano assolutamente sgomberare un altro appartamento per lasciarlo vuoto» hanno detto i manifestanti di Caminantes. Evitando che la situazione degenerasse, gli agenti sono riusciti ad effettuare lo sgombero e ad allontanare i manifestanti. Il sindaco Mario Conte, da Ca' Sugana, ha commentando la notizia precisando che lo sfratto di viale Francia è avvenuto dopo numerosi solleciti da parte di Ater e dell'amministrazione comunale visti i mancati pagamenti dell'affitto da parte degli inquilini. «Con un canone di affitto medio di 80 euro al mese è inconcepibile che queste situazioni continuino a verificarsi - ha detto il sindaco Conte -. Chi non presenta l'Isee al momento di fare richiesta per un alloggio popolare non merita di riceverlo».

Sfratto viale Francia-2

Blitz in municipio

Pochi minuti dopo le parole del sindaco, nel primo pomeriggio di venerdì 12 aprile, proprio fuori da Ca' Sugana sono arrivati i militanti di Caminantes che questa volta hanno eretto delle vere e proprie barricate all'ingresso del municipio. «Senza soluzioni, nessuno dovrebbe essere buttato fuori di casa» le parole dei manifestanti.

Barricate municipio Treviso-2

Sulla questione è intervenuta così Gaia Righetto: «Alle dichiarazioni del sindaco Conte per cui la responsabilità è individuale e ci sono inquilini che hanno una posizione ideologica, rispondiamo che il gioco della colpevolizzazione dura poco, sono centinaia gli inquilini responsabili della propria condizione in questa città? E poi non dice tutta la verità, il comune non si è presentato alle commissioni per gli sfratti, facendo si che le procedure di sfratto partissero per debiti irrisori, che poi lievitano perché il canone viene portato a prezzo di mercato, costi insostenibili. Non dice che le persone come la signora Maria hanno tutta una serie di fragilità e che se la situazione è questa è dettata anche dal fatto che non c'è stato alcun tipo di intervento da parte dei servizi sociali. Che dicano la verità!! Il loro sport è colpevolizzare gli individui, specie se poveri». Fuori dal municipio i manifestanti si sono fermati per tutto il pomeriggio. L'idea è di proseguire la mobilitazione a oltranza.

Video popolari

Sfratti, alta tensione in viale Francia: barricate fuori dal Comune

TrevisoToday è in caricamento