rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca

Molesta una giovane paziente psichiatrica, infermiere finisce nei guai

L'uomo, un 56enne in servizio presso una comunità residenziale protetta di Treviso, avrebbe abusato di una ragazza che al tempo aveva solo 19 anni, baciandola in bocca e toccandola sul seno e sul sedere

Avrebbe abusato delle condizioni psichiche di lei, ricoverata presso una comunità residenziale protetta di Treviso e affetta da vari disturbi, fra cui una sindrome borderline, baciandola sulla bocca, palpeggiandola e dicendole che voleva fare l'amore. Di questo è accusato un infermiere trevigiano di 56anni, indagato per violenza sessuale e finito davanti al gip Angelo Mascolo, che deve decidere sul suo eventuale rinvio a giudizio. La vittima è una ragazza di 25 anni, che al tempo dei fatti, svoltisi  nel 2015, era soltanto 19enne. L'udienza preliminare, in cui lui è difeso dall'avvocato Sossio Vitale mentre la parte offesa è rappresentata dall'avvocato Lorenza Secoli, è stato rinviata all'anno prossimo.

L'uomo avrebbe abusato del suo ruolo di infermiere professionale molestando la ragazza, in cura farmacologica. L'avrebbe abbracciata, baciata sulla bocca anche con la lingua, l'avrebbe toccata più volte sul sedere e sul seno. In una occasione si sarebbe disteso su di lei e le avrebbe detto di voler fare del sesso. Il tutto per quasi 5 mesi, alla fine dei quali la giovane si è decisa a parlare e ha sporto la denuncia. Il pubblico ministero Barbara Sabbattini aveva chiesto l'archiviazione ma il giudice per l'udienza preliminare ha deciso per l'imputazione coatta. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Molesta una giovane paziente psichiatrica, infermiere finisce nei guai

TrevisoToday è in caricamento