Compra abiti firmati per 2 mila euro, paga con assegno scoperto

Un trevigiano di 49 anni ha fatto shopping a Bassano (VI), acquistano abiti griffati e portandoseli a casa senza pagare grazie a una truffa

Si è recato a Bassano per fare shopping, è entrato in un negozio con l’intenzione di comprare abiti firmati e il conto ammontava a più di 2 mila euro, ma ha pagato con un assegno scoperto. Tutto questo è costato una denuncia per truffa a un 49enne di Treviso, G.M., che ha ingannato la commessa di un negozio del centro storico del Bassanese portandosi a casa capi firmati e di lusso senza pagarli. Si è presentato già vestito molto elegante, l’ultima delle persone che potesse destare qualche sospetto ma, al momento del saldo del conto di 2400 euro, ha presentato un assegno postale nonostante il conto risultasse chiuso.

RAGGIRO DA MEZZO MILIONE DI EURO, PAGAVANO CON ASSEGNI SCOPERTI

Immediata la denuncia da parte dell’attività commerciale, finchè la polizia è riuscita a risalire al 49enne, non facilmente identificabile in quanto avrebbe usato diverse identità accompagnate da documenti falsi per riuscire nel suo raggiro. Secondo gli inquirenti, il furbetto avrebbe aperto e chiuso un conto postale, per poi aprirne un altro e commettendo truffe in diverse province del Nordest, come Treviso, Venezia, Pordenone. Oltre alla denuncia per truffa, il 49enne ha ricevuto il foglio di via da Bassano. Non potrà più mettere piede nel comune vicentino per tre anni. 

SI FINGE FRATE E RUBA SOLDI E ASSEGNI

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

  • Chiama la polizia per far multare le auto in sosta, ma alla fine a essere sanzionato è lui

Torna su
TrevisoToday è in caricamento