menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il venditore di arance adesca un passante a Conegliano. Foto di Luigi Piva (via Facebook)

Il venditore di arance adesca un passante a Conegliano. Foto di Luigi Piva (via Facebook)

Vendono arance fingendosi amici dei passanti ma è tutta una truffa

Sono decine finora i trevigiani caduti nella "truffa degli agrumi". L'ultima segnalazione, in ordine di tempo, è avvenuta martedì 19 marzo al centro di medicina di Conegliano

Si muovono a bordo di un furgone bianco, si fermano nei parcheggi pubblici e iniziano ad avvicinare i passanti fingendosi loro parenti alla lontana o amici di vecchia data. Cogliendo alla sprovvista molti automobilisti, i venditori propongono loro di comprare una cassetta di agrumi dal loro furgone. Tutta merce di ottima qualità, a loro dire.

Che si tratti di mandarini oppure di arance i prezzi di una cassetta di agrumi sono però a dir poco falsati rispetto al valore di mercato. E così in molti si sono ritrovati a comprare, senza nemmeno accorgersene, una cassetta di clementine a più di 20 euro e pochi chili di arance a prezzi altrettanto stellari. In molti casi, inoltre, solo i frutti posizionati più in alto nella cassetta sono in buone condizioni mentre sul fondo quasi tutti gli agrumi sono marci. Una vera e propria truffa che sta andando avanti ormai da diversi mesi. Le prime segnalazioni sono iniziate addirittura a ottobre con un picco durante le scorse festività natalizie. L'ultima segnalazione in ordine di tempo è avvenuta martedì 19 marzo nel parcheggio del centro di medicina a Conegliano. Sui social molti utenti, dopo essersi accorti di essere stati truffati, hanno segnalato l'inganno nella speranza di poter aiutare altri cittadini a non essere raggirati. Nelle scorse ore uno dei truffatori è stato fotografato da un utente coneglianese che ha condiviso l'immagine del raggiro sui social. In pochi minuti la foto ha ottenuto decine di commenti. Il furgone bianco su cui si spostano i due truffatori è un Renault Trafic. I venditori sarebbero due: uno che adesca i passanti e un altro alla guida del mezzo. L'appello sui social è molto chiaro: «avvertite della loro presenza le persone più anziane o di mezza età, soprattutto se si spostano da sole in modo che sappiano cosa rispondere a questi signori». La speranza è che grazie a queste segnalazioni i truffatori possano essere smascherati al più presto dalle forze dell'ordine.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

social

Le voci più belle del Festival di Sanremo sono venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento