Coronavirus, truffa dei falsi tamponi in Veneto, la Regione: «Denunciate»

Sciacalli in azione per truffare gli anziani e le persone più deboli in questi giorni di emergenza. L'appello lanciato dalla Regione: «Non aprite la porta e chiamate il 112»

La Regione del Veneto ha scoperto una grave truffa ai danni di molti anziani, raggirati dai ladri con la scusa di falsi tamponi per il Coronavirus. Si tratta di un raggiro che funziona porta a porta con i ladri che, fingendosi operatori sanitari, cercano di entrare nelle case offrendo falsi tamponi contro il Coronavirus. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Regione invita a porre la massima attenzione alle persone che suonano alla porta di casa riferendo di essere incaricati dalla Regione stessa per effettuare il controllo con il tampone per il coronavirus. Tutta la popolazione è invitata a non aprire la porta a tali individui, veri e propri sciacalli, e a chiamare immediatamente il 112.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Scooter fuori strada contro un lampione: morta una 14enne

  • Si schianta con la moto contro un'auto: grave un centauro

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Salvato dall'annegamento, 20enne muore dopo una settimana di agonia

  • Tragedia di Farra, Vittoria ha donato gli organi: fissata la data dei funerali

Torna su
TrevisoToday è in caricamento