Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca Casier

Truffa della finta casa vacanze: denunciati due 40enni

La coppia, dopo aver pubblicato un annuncio online, aveva indotto un 44enne trevigiano ad eseguire un bonifico di 500 euro su un conto corrente loro intestato

I carabinieri del Comando Provinciale di Treviso stanno proseguendo nell’attività di contrasto alle truffe online, fenomeno sempre più diffuso. Nello specifico, i militari della Stazione di Casier, al termine di accertamenti, hanno deferito in stato di libertà per truffa e sostituzione di persona P.L., italiano, 42enne e C.L., 40enne di nazionalità rumena. La coppia, dimorante nel bolognese e gravata da pregiudizi, dopo aver pubblicato un annuncio su piattaforma online, aveva indotto un 44enne trevigiano ad eseguire un bonifico di 500 euro su un conto corrente loro intestato, quale caparra per una casa vacanze a Rimini, poi risultata non nella disponibilità degli indagati.

Sempre i militari dell’Arma di Casier hanno denunciato L.S., donna 56enne di origini marchigiane e S.F., 49enne, dimoranti nel milanese, entrambi con precedenti di polizia, poiché nel marzo scorso, dopo aver pubblicato un’inserzione su un sito online di annunci economici riguardante la vendita di aspirapolvere al prezzo di 450 euro avevano convinto un 37enne di Casier ad effettuare il pagamento con bonifico della somma senza mai spedire la merce e rendendosi irreperibili.

Considerando i sempre più frequenti episodi di truffa, i carabinieri consigliano i cittadini di prestare la massima attenzione nel perfezionare sia acquisti che vendite in rete, diffidando di piattaforme che non riuniscono i necessari requisiti di affidabilità e sicurezza. Inoltre, è opportuno evitare di fornire a sconosciuti i propri riferimenti di conti correnti e carte prepagate, dal momento che non sempre si è in grado di accertare la reale identità delle persone con le quali si perfezionano transazioni online. Qualsiasi richiesta di delucidazioni potrà essere rappresentata ai Comandi territoriali dell’Arma che forniranno tutto l’ausilio possibile per prevenire spiacevoli episodi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa della finta casa vacanze: denunciati due 40enni

TrevisoToday è in caricamento