La truffa degli operatori dell’Usl e dell'acqua con sali minerali

Puntano tutto sugli anziani e si presentano come operatori sanitari che forniscono aiuto contro l'emergenza caldo, ma è un trucco per rubare

Il procedimento è sempre lo stesso, ma ormai i truffatori ne inventano ogni giorno di nuove. Qualche giorno fa due anziane avevano subito dei furti in abitazione sotto ai loro occhi, dopo che un presunto operatore si spacciava come venditore di sacchetti dell’umido insieme a un finto poliziotto, che fingeva di recuperare della refurtiva e, in questo modo si introducevano in casa per ripulirla. Ora tocca a un’altra anziana, una ottantenne di Colle Umberto che si è vista bussare alla porta due presunti operatori dell’Usl, che avrebbero dichiarato di essere lì per fornire sostegno contro l’emergenza caldo.

LA TRUFFA DEI SACCHETTI DELL'UMIDO

I due si sarebbero presentati per controllare che l’abitazione fosse a posto e avrebbero dichiarato di avere con sé delle bottiglie d’acqua con sali minerali rigeneranti. Ma si trattava di una vera e propria truffa, speravano di riuscire a distrarre l’anziana per poterla derubare di tutto. Fortunatamente, pochi minuti dopo il loro arrivo sarebbe giunta la nuora della signora, e questo avrebbe fatto scattare l’allarme ai due, che se la sarebbero data a gambe in pochi secondi, senza fornire alcuna spiegazione. 

TRUFFA DEI CONTATORI DEL GAS

TRUFFA DELLO SPECCHIETTO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

  • Esplode una granata nel garage di casa, 19enne trasportato in ospedale

  • Chiama la polizia per far multare le auto in sosta, ma alla fine a essere sanzionato è lui

Torna su
TrevisoToday è in caricamento