Tenta di truffare un anziano con la tecnica dello specchietto: denunciato un 36enne

L'uomo aveva chiesto un risarcimento di 260 euro ma la vittima, capito quanto stava succedendo, ha fatto saltare il raggiro e ha riferito tutto ai carabinieri

I carabinieri della Stazione di Cordignano, al termine di indagini, hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Treviso il 36enne pregiudicato U.A., originario di Noto (SR), disoccupato e senza fissa dimora, per il reato di tentata truffa. L’episodio risale al 15 luglio scorso e vede suo malgrado protagonista un 76enne pensionato residente a Cappella Maggiore, verso le ore 8.40 circa, si trovava alla guida della sua automobile e stava percorrendo via Cal de Boz.

Ad un certo punto l'uomo è stato bruscamente sorpassato da una Volkswagen Golf di colore chiaro, sicuramente bianca. Una volta immesso in via Livel, all’altezza delle scuole medie, l'anziano ha poi udito un forte colpo sulla carrozzeria e, a ciglio strada, ha notato parcheggiata la Volkswagen Golf (che prima lo aveva superato) con a bordo un uomo che stava osservando la strada. L'anziano ha comunque percorso pochi metri e si è poi fermato lungo via Santa Apollonia in quanto l'altro automobilista si era messo al suo inseguimento, segnalando la sua presenza da dietro con colpi di fari e facendogli segno di fermarsi. Per comprendere ciò che voleva, il pensionato ha dunque accostato la sua vettura a ciglio strada, per poi scendere e venir così raggiunto dal proprietario della Golf che gli ha immediatamente comunicato di aver da lui subito l'urto di uno specchietto della sua autovettura e che intendeva essere per questo risarcito con 260 euro.

Il pensionato, considerando che era certo di non aver colpito alcunché, ha quindi guardato l'uomo in modo esterrefatto. Ciò nonostante,  però, il truffatore ha insistito sul fatto che sul suo specchietto era rimasto un segno ma, nell’osservarlo, il pensionato si è subito reso conto che era del grasso. Certo del suo agire, il pensionato ha quindi telefonato al suo carrozziere di fiducia per proporgli di verificare i danni lamentati da controparte che, nel frattempo, comprese le intenzioni dell'anziano, è risalito a bordo della sua Golf ripartendo bruscamente con sgommata verso Anzano di Cappella Maggiore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il pensionato, capito a quel punto quanto stava succedendo, ha poi sporto denuncia contro ignoti ai carabinieri di Cordignano, descrivendo il presunto truffatore come un maschio dell’apparente età di 30/40 anni, di media corporatura, col viso paffutello, di carnagione olivastra tendente allo scuro, capelli corti e scuri, occhi scuro e barba di 3/4 giorni, con accento del sud Italia, alto 1.70 cm circa, con naso aquilino e vestito sportivo. Sulla base di tale descrizione e del modus operandi messo in atto, i militari hanno sottoposto all'uomo un fascicolo fotografico nel quale è stato riconosciuto senza ombra di dubbio U.A., già noto per i suoi precedenti di truffe e tentate truffe con la tecnica dello specchietto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bar presi d'assalto, Zaia furioso: «Se continua così chiudo tutto»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

  • Guarisce dal Coronavirus e lancia un appello ai giovani: «Evitate la movida»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento