Preso l’autore della truffa dello specchietto a Montebelluna

Si tratta di un 20enne originario di Catania che fingeva un incidente con le auto in sorpasso, facendosi rimborsare i danni con un raggiro

A Montebelluna si continua a indagare sulla truffa dello specchietto. L’allarme era scattato circa un mese fa, quando ai carabinieri erano giunte segnalazioni e denunce secondo cui un personaggio a bordo di una Fiat Punto grigia si sarebbe aggirato nel territorio comunale fingendo danni alla sua auto per racimolare denaro.

E le verifiche condotte dai militari hanno portato alla denuncia di un 20enne di Catania, scoperto grazie alla segnalazione di una testimone, dopo che questo aveva tentato di raggirarla.

La donna ha immediatamente avvisato le forze dell’ordine fornendo una descrizione dettagliata del truffatore. Il metodo che usava il giovane era già noto a molti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Guidava a bassa velocità per farsi superare dall’auto e, in fase di sorpasso, la colpiva fingendo un impatto tra i due veicoli. Dopodiché, incolpava la vittima e si faceva pagare per la riparazione del danno.  Si tratta di una truffa tra le più diffuse nell’ultimo periodo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Covid 19, studio choc di un epidemiologo trevigiano:«Il vaccino? Forse è una chimera»

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Travolta sulle strisce pedonali, anziana ricoverata in rianimazione

  • Legato e cosparso di benzina, folle lite in casa: indagano i carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento