Incastrati i furbetti del telepass, 12 mila euro di viaggi non pagati

In tre hanno intestato l'auto a un 53enne senza patente e si piazzavano in coda alla vettura precedente per sfrecciare senza pagare al casello

Due uomini e una donna sono stati denunciati per aver fatto i furbi ai caselli autostradali, mettendosi in coda alla macchina precedente per il passaggio con il Telepass, quindi non effettuando il pagamento.

Si tratta di L.E., donna di 51 anni originaria di Pordenone ma residente a Istrana, L.S., romano 45enne residente in provincia di Venezia e M.S., 53enne anch’egli pordenonese ma residente a Ponzano Veneto, che dovranno rispondere di truffa, insolvenza fraudolenta e sostituzione di persona.

Le indagini della polizia, però, non hanno condotto a loro in un primo momento, perché l’automobile segnalata dalla società autostradale, una Citroen Xara, apparteneva a V.C., un 53enne di Venezia senza fissa dimora, senza patente e recentemente ricoverato all’ospedale per un intervento chirurgico al cervello.

Secondo le ricostruzioni degli agenti, i malviventi gli avrebbero chiesto di fare da intestatario per l’automobile per poi viaggiare e far perdere le loro tracce. Ma così non è stato. Dalla verifica dei tabulati Telepass, solo dal primo febbraio al 17 marzo 2013, i tre avrebbero mancato i pagamenti autostradali per 2200 euro, aggiunti ad altri 10 mila durante l’anno precedente a partire da aprile 2012.

Infine, i soggetti avrebbero cercato di truffare anche l’assicurazione, presentandosi con dei documenti falsi, ma sono stati immediatamente scoperti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ritorno dalla discoteca, Alberto Antonello positivo alla cannabis

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

Torna su
TrevisoToday è in caricamento