Vendita di pergole e tende da sole scontate: «L’insidia nel contratto è dietro l’angolo»

A diverse famiglie di Treviso, Vicenza e Verona veniva proposto un prezzo accattivante, scontato anche fino al 50%, che però raddoppiava dopo 60 giorni

Un frame del servizio di Striscia la Notizia

Camion pubblicitari posizionati lungo le strade, sopralluogo gratuito presso le abitazioni dei potenziali clienti per valutare la fattibilità del lavoro, sottoscrizione di un contratto di acquisto di pergole, tende da sole o impianti da esterno con tempi previsti di consegna di 30-40 giorni. Un prezzo accattivante, scontato anche fino al 50%. Con uno sconto di questo genere come fare a dire di no? I clienti dunque versano un acconto o addirittura saldano l’intero importo preventivato, ma del materiale nemmeno l’ombra anche a distanza di un anno. Questa è la situazione che ha visto coinvolte numerose famiglie in tutto il territorio veneto, soprattutto nelle province di Verona, Vicenza e Treviso, come spiega l’associazione Consumatori 24, la quale ha ricevuto decine di segnalazioni negli ultimi giorni. A scatenare il malcontento dei consumatori è stato un servizio mandato in onda proprio da Striscia la Notizia, programma satirico noto in tutto il territorio nazionale, la sera del 13 ottobre, nel quale si denunciava l’atteggiamento discutibile della società vicentina venditrice in questione.

Ma non è tutto. Al di là degli importi già versati, a quanto pare a fondo perduto, vista la mancata consegna del materiale oltre al mancato relativo montaggio, il contratto sembra essere una vera e propria trappola. Esso, infatti, presenta delle clausole particolari all’interno delle condizioni generali, come ad esempio nella fattispecie, la clausola che regolamenta i prezzi preventivati: dopo 60 giorni dalla firma del contratto il prezzo scontato viene stralciato e si applica il prezzo originale di listino, che di fatto provoca un raddoppio del costo originario. Ci saranno degli elementi probatori che dimostrano dunque il motivo della decorrenza del termine di 60 giorni in ogni singolo caso? L’associazione Consumatori 24 se ne sta occupando in questi giorni e lancia l’appello: «In ogni caso è sempre opportuno leggere attentamente le condizioni generali di contratto prima di apporre la propria firma. In questo modo possiamo evitare strascichi dal punto di vista legale che nel caso di specie sono ormai inevitabili».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Se n'é andata Paola Maiorana, voce storica delle radio private trevigiane

Torna su
TrevisoToday è in caricamento