Adescata su Facebook da finto carabiniere, 61enne perde 25mila euro

La donna era stata contattata da un 44enne di Feltre che prima si era presentato come carabiniere e poi le aveva raccontato di essere gravemente malato, per impietosirla e ottenere costanti donazioni in denaro

Avvicinata attraverso lo schermo e prosciugata di 25mila euro. Vittima dell'ennesima truffa su internet una 61enne trevigiana.

All'inizio del 2011 la donna - riporta La Tribuna di Treviso - aveva ricevuto una richiesta di amicizia su Facebook da uno sconosciuto, un 44enne di Feltre. Giovane, affascinante, gentile, l'uomo era guadagnato presto la fiducia della 61enne, avvalorando le sue intenzioni oneste spacciandosi per carabiniere.

Tra una chat e l'altra il finto militare ha confessato alla sua nuova "amica" di essere gravemente malato e bisognoso di cure urgenti e molto costose. Allora sono cominciati i prelievi di denaro. Piccole somme, "prestiti" che il 44enne prometteva di restituire appena possibile e che si sono fatte sempre più grandi.

Alla malattia si sono aggiunte le difficoltà economiche, le rate del mutuo da pagare alla ex moglie. E la 61enne ha continuato a sborsare denaro.

Certo che la sua vittima non gli dirà di no, il 44enne allora ha tentato il colpo grosso, chiedendo cinquemila euro per un fantomatico viaggio all'estero per curarsi. La 61enne gli ha creduto e ha aperto i cordoni della borsa. Il costante flusso di denaro è durato per ben due anni, fino a quando la donna ha cominciato a sospettare qualcosa e ha chiesto all'amico quando avrebbe potuto riavere i soldi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'amico" ha tentennato, preso tempo, e allora la 61enne ha deciso di mettere un punto alla storia sporgendo denuncia. Dopo il minuzioso lavoro di ricostruzione dei carabinieri, il 44enne è stato rinviato a giudizio e il prossimo 29 novembre comparirà davanti al giudice per rispondere dell'accusa di truffa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento