Cronaca

Si tuffa nel fiume Meduna e batte la testa: 22enne rischia la paralisi

Restano molto gravi le condizioni del ragazzo trevigiano ricoverato in ospedale da sabato 22 agosto dopo aver rischiato la vita per un tuffo nelle grave di Cordenons

Bagnanti al fiume Meduna (Credits: Udinetoday)

E' ancora ricoverato nell'Unità spinale dell'ospedale Santa Maria della Misericordia a Udine il 22enne trevigiano che, sabato 22 agosto, aveva rischiato di annegare dopo un tuffo nelle acque del fiume Meduna.

G.B. si trovava in compagnia di alcuni amici nella zona delle grave di Cordenons. Dopo essersi tuffato ha battuto la testa e ha rischiato di annegare. Provvidenziale l'intervento di due suoi amici che lo hanno portato a riva salvandolo dalla corrente del fiume che lo stava facendo affogare. Quando i soccorsi sono intervenuti sul posto il 22enne, originario di Castelfranco Veneto, era cosciente ma le sue condizioni sono peggiorate nella serata di sabato dopo il ricovero all'ospedale di Pordenone. Immediato il trasferimento in elisoccorso a Udine dove si trova ancora ricoverato. Come riportato da "La Tribuna di Treviso" sembra che le lesioni alle gambe siano molto gravi e il giovane potrebbe rischiare la paralisi. Le indagini della Polizia di Pordenone sembrano escludere, al momento, responsabilità penali nella vicenda.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si tuffa nel fiume Meduna e batte la testa: 22enne rischia la paralisi

TrevisoToday è in caricamento