Tumore alla prostata, specialisti in convegno al Centro Studi San Francesco di Conegliano

L’evento rappresenterà un momento di confronto importante tra urologi, oncologi, radioterapisti e radiologi provenienti da tutta Italia e dagli Stati Uniti

CONEGLIANO Il tumore della prostata è uno dei più comuni tra gli uomini e il rischio è direttamente correlato all’età: se a 50 anni 1 uomo su 4 presenta cellule cancerose nella prostata, a 80 anni questa condizione riguarda 1 uomo su 2. Tale patologia, per la sua complessità, necessita un coinvolgimento diagnostico-terapeutico e assistenziale multidisciplinare. Il tumore della prostata sarà oggetto di un convegno, in programma il 21 Aprile, al Centro Studi San Francesco di Conegliano, organizzato dall’Unità Operativa di Urologia dell’ospedale di Conegliano. L’evento rappresenterà un momento di confronto importante tra urologi, oncologi, radioterapisti e radiologi provenienti da tutta Italia e dagli Stati Uniti. Nell’ambito del Convegno è prevista anche una sessione dedicata al rapporto Pubblico /Privato, alla loro integrazione e alle prospettive future, in un contesto sempre più Europeo.

“L’interesse per questa patologia – spiega il primario di Urologia, Salvatore Valerio - rimane attuale sia da un punto di vista clinico-diagnostico, sia dal punto di vista organizzativo ed è motivato dall’incidenza di tale neoplasia, al primo posto nei tumori maligni nel maschio. Le innovazioni ed i progressi tecnologici offrono al paziente scelte terapeutiche sempre più condivise e consapevoli. La Prostate Unit, modello organizzativo innovativo di PDTA attiva a Conegliano dal 2015, consente un miglioramento nella qualità dell’offerta e un coinvolgimento globale sul versante dell’umanizzazione: il paziente viene totalmente preso incarico dal team multispecialistico nel suopercorso di diagnosi, cura e riabilitazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Per un paziente sempre più alla ricerca dell’eccellenza anche in ambito sanitario – sottolinea il direttore dell’Ulss 2, Francesco Benazzi – la creazione delle reti e il continuo adeguamento dei modelli organizzativi è fondamentale. In quest’ambito si colloca la Prostate Unit dell’ospedale di Conegliano che ha riportato risultati di rilievo sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo: negli ultimi quattro anni sono triplicati i pazienti trattati con tecniche chirurgiche mini invasive. Non solo, i percorsi assistenziali, con la presa in carico globale e multispecialistica ci hanno permesso di adeguare e umanizzare ulteriormente l’offerta di cura”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Coronavirus: ancora in aumento il numero dei contagi nella Marca

  • «Prima smaltite ferie e permessi». Negata la cassa integrazione al Solnidò di Villorba

  • Famiglia Zoppas in lutto: morto a soli 55 anni il noto manager Marco Colognese

  • Cronotachigrafo "truccato" e mezzo sovraccarico: camionista stangato

  • Macabro ritrovamento in serata: scoperto un cadavere vicino al Melma

Torna su
TrevisoToday è in caricamento