menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno splendido paesaggio delle colline trevigane

Uno splendido paesaggio delle colline trevigane

Finto vino dop o igp: blitz dei Nas in cinquanta cantine e ditte del Nordest

Sotto la lente d'ingredimento dei carabinieri di Udine e del nucleo Ispettorato Repressione Frodi di Conegliano sono i vini ottenuti con uve prodotte ben oltre i limiti massimi di resa e con una gradazione naturale delle uve inferiore ai valori previsti dai relativi disciplinari

Dalle prime ore della mattinata di oggi, nelle province di Pordenone, Udine, Treviso, Venezia, Padova, Reggio Emilia, Modena, Ravenna, Firenze, Livorno, Napoli, Bari, Foggia, i Carabinieri del NAS di Udine e Ispettori dell’ICQRF Nord-Est di Udine e Conegliano (Ispettorato Repressione Frodi), coadiuvati da militari effettivi ai locali Comandi Provinciali e da personale degli Uffici ICQRF a livello nazionale, stanno dando esecuzione ai decreti di perquisizione emessi dalla Procura della Repubblica di Pordenone nei confronti di circa una cinquantina tra cantine, distillerie, imprese agricole, abitazioni e ditte di trasporto, volte al contrasto alle frodi ed illeciti ai danni dei consumatori ed alla tutela e qualità delle indicazioni geografiche tipiche e denominazioni di origine di prodotti agroalimentari, nello specifico nel settore vitivinicolo (vini di qualità). Una decina le aziende trevigiane finite sotto la lente d'ingradimento degli investigatori.

Gli accertamenti suddetti sono volti ad acquisire elementi di prova relativi a comportamenti fraudolenti, messi in atto una importante cantina della provincia, circa la produzione e l’immissione in commercio di enormi quantità di vini che, pur non costituendo un pericolo per la salute del consumatore, sono stati qualificati con più DOP ed IGP in violazione delle norme dei disciplinari. In particolare, tali vini, sono stati ottenuti con uve prodotte ben oltre i limiti massimi di resa e con una gradazione naturale delle uve inferiore ai valori previsti dai relativi disciplinari. Inoltre, alcune tipologie di vini sono state qualificate con il nome di varietà di uva diversa da quella realmente utilizzata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Attualità

Asolo, malore sul lavoro: dipendente comunale muore a 44 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento