menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Conegliano: ripartono i controlli gratuiti dell'Ulss sui funghi raccolti dai cittadini

Per prevenire possibili rischi di intossicazione alimentare, le strutture di Conegliano e Pieve di Soligo offrono alla cittadinanza un servizio di controllo sui funghi appena raccolti

CONEGLIANO In coincidenza con l’inizio della stagione dei funghi, l’Ulss 7, per prevenire possibili intossicazioni, assicura come ogni anno, il controllo di commestibilità dei funghi freschi raccolti dai privati. I controlli sono gratuiti, proseguiranno fino al termine della stagione di raccolta e vengono effettuati sia presso il Distretto, in via Galvani a Conegliano, che presso la sede Ulss 7 di via Lubin, a Pieve di Soligo da parte del personale con qualifica di esperto micologo.


Gli ispettori micologi forniscono ai privati che raccolgono funghi per il proprio consumo una consulenza gratuita finalizzata al riconoscimento delle specie raccolte e alla determinazione della commestibilità. Per agevolare il riconoscimento, l’utente deve separare i diversi tipi di funghi trasportandoli in contenitori rigidi e forati (non in sacchetti di plastica). E’ importante che venga esaminato l’intero quantitativo raccolto: all’utente sarà quindi rilasciato l’esito del controllo micologico con la valutazione di commestibilità. Nell’anno 2015 gli ispettori micologi hanno effettuato circa 200 perizie; nell’ambito del territorio dell’Ulss 7 lo scorso anno ci sono stati due episodi di intossicazione da funghi non controllati che hanno costretto i consumatori al ricorso alle cure ospedaliere. "E’ fondamentale non fidarsi delle credenze popolari o di metodi empirici per valutare la tossicità dei funghi raccolti – raccomanda Vincenzo Marcotrigiano, Coordinatore dei Tecnici della Prevenzione del Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione dell’Ulss 7-. L’unico metodo sicuro per l’identificazione delle specie commestibili è la classificazione sulla base delle loro caratteristiche, eseguita da personale appositamente formato. La maggior parte delle intossicazioni è determinata da funghi velenosi raccolti da persone inesperte ma, anche, da funghi generalmente commestibili, raccolti in luoghi inidonei o cucinati in modo non appropriato”. E’ dunque opportuno sottoporre a controllo micologico tutti i funghi freschi raccolti, prima di consumarli, in modo da avere la certezza che si tratti di specie commestibili. “Si ricorda - aggiunge Marcotrigiano - che tutti i funghi vanno consumati ben cotti, poiché crudi sono scarsamente digeribili, se non addirittura tossici. Il comune “chiodino” (Armillaria mellea), il fungo più raccolto nella zona pedemontana, è notoriamente tossico da crudo e diventa commestibile da cotto: richiede pertanto una prebollitura di almeno 15-20 minuti, l’eliminazione dell’acqua, e la successiva cottura definitiva”.  In caso di comparsa di sintomi associabili al consumo da funghi, anche se mangiati giorni prima, ci si deve recare, al più presto, al Pronto Soccorso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Schianto tra due moto e un'automobile: morto un centauro 25enne

  • Cronaca

    Lutto a Follina, l'alpino Mario Naibo è andato avanti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento