menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Prevenzione tumore cavo orale: ambulatorio aperto al pubblico all'ospedale di Treviso

In occasione della 2° giornata della prevenzione AOOI, al Cà Foncello sarà a disposizione un'equipe per promuovere corretti stili di vita e visitare i pazienti

TREVISO Dopo il successo dello scorso anno, si celebra a Treviso all'Ulss 9 la 2° giornata della prevenzione AOOI, Associazione Otonolaringologi Ospedalieri Italiani, dedicata alla diagnosi precoce del tumore del cavo orale. L’evento è in calendario per venerdì 1 aprile prossimo sotto il patronato del Ministero della Salute. All’Ospedale Ca’ Foncello, presso il centro regionale per l’oncologia cervico facciale, diretto dalla professoressa Maria Cristina Da Mosto, sarà aperto al pubblico un ambulatorio con un’equipe a disposizione della popolazione per promuovere corretti stili di vita e visitare i pazienti.

L’appuntamento è indetto nell’ambito della campagna nazionale “L’otorinolaringoiatra ospedaliero e la prevenzione”. Una diagnosi precoce, attraverso metodiche semplici e non invasive, migliora la qualità della vita, consente interventi conservativi e meno invalidanti per tutto l’organismo e riduce i costi di terapia e riabilitazione. I tumori del cavo orale sono patologie molto diffuse, con 12 nuovi casi all’anno ogni 100mila abitanti e un picco di massima incidenza intorno ai 50-60 anni di età. Fumo, alcol, cattiva igiene orale, protesi dentarie traumatizzanti e virus del papilloma ma anche una dieta povera di frutta e verdura: sono tante le cause che possono provocare l’insorgenza di questo genere di tumori, ma la prevenzione può essere un’ottima alleata.

Per questo gli specialisti AOOI hanno deciso di mettere a disposizione la propria competenza per offrire un’intera mattinata di screening gratuito ad accesso libero presso gli ambulatori dei reparti di Otorinolaringoiatria degli ospedali delle principali città italiane. Il paziente, potrà rivolgere domande e chiedere informazion ai medici e, in caso di screening con esito positivo, essere direttamente indirizzato verso un corretto percorso di diagnosi e cura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Malore dopo la vaccinazione, 57enne ricoverato in ospedale

Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento