Isiss G.Verdi – Progetto "Erasmus+" – Percorso nella terra del Prosecco

Studenti e insegnanti di alcuni Paesi europei sono infatti arrivati domenica 6 novembre e si fermeranno fino al giorno 11 per la fase di mobilità del progetto “Erasmus+”. Un progetto che è iniziato due anni fa e che continua il suo percorso proprio nella terra del Prosecco.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

E' in corso questa settimana la visita delle delegazioni danesi, francesi e tedesche presso l'Istituto G. Verdi di Valdobbiadene. Studenti e insegnanti di alcuni Paesi europei sono infatti arrivati domenica 6 novembre e si fermeranno fino al giorno 11 per la fase di mobilità del progetto "Erasmus+". Un progetto che è iniziato due anni fa e che continua il suo percorso proprio nella terra del Prosecco.

Quest'iniziativa, dal titolo "Migration in Europe", permette a numerosi studenti di scuole europee di confrontarsi su un tema di grande attualità, la migrazione, partendo dallo studio dei fenomeni migratori del passato per giungere fino ai nostri giorni.

Durante questi due anni, gli studenti si sono incontrati presso le scuole partner in Danimarca, Svezia, Francia, Germania e Italia, producendo ricerche, documentari e interviste, incontrando esperti e partecipando a dibattiti; tutto interamente in lingua inglese, allo scopo di produrre un libro.

«L'Isiss G. Verdi ha una storica e consolidata collaborazione con importanti scuole europee» ha dichiarato la prof.ssa Lucia Picello, referente del progetto "Erasmus+", «ogni anno abbiamo all'attivo progetti di scambio e intercultura che consentono ai nostri studenti di accrescere il proprio bagaglio culturale e di fare esperienze formative in un'ottica internazionale che li prepara a divenire cittadini del mondo».

L'istituto Verdi e la comunità valdobbiadenese accolgono a braccia aperte le delegazioni straniere, con l'augurio che riescano a integrarsi nel migliore dei modi e che possano raggiungere gli obiettivi previsti dal progetto.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento