rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca Vazzola

Travolse e uccise un ciclista, 61enne patteggia un anno

Un autotrasportatore dipendente della ditta di autotrasporti Pagliughi di San Fiorano (Lodi), il 28 maggio del 2020 investi Italo Perenzin, 63 anni di Vazzola, che morì per le ferite riportate nell'incidente

Ha patteggiato, davanti al gup Marco Biagetti, 1 anno di reclusione, pena sospesa, l'autotrasportatore di Codogno, in provincia di Lodi, che il 28 maggio del 2020 travolse e uccise Italo Perenzin, 63 anni di Vazzola.

Perenzin era in sella alla sua bicicletta quando  è finito sotto le ruote di un camion Volvo, guidato da P.G., 61enne, dipendente della ditta di autotrasporti Pagliughi di San Fiorano (Lodi), che era diretto  presso un'azienda della zona per delle consegne. Il mezzo pesante, curvando a destra, ha travolto il malcapitato, uccidendolo.

Secondo le indagini in prossimità della rotatoria con via Ungaresca nord il mezzo pesante si è fermato, l'autista ha indicato con le frecce la svolta a destra ma nel frattempo il ciclista si è affiancato ed è rimasto schiacciato. La vittima doveva probabilmente procedere diritta, verso Conegliano. Le traiettorie, incrociandosi, hanno provocato la tragedia.

Ex calciatore, Italo Perenzin amava lo sport. Faceva molto ciclismo e amava girare le strade della provincia in sella alla sua bicicletta. La sua grande passione però era l'Imoco Volley. Seguiva la squadra sia al Palaverde che in trasferta, dove in molti lo ricordano per il suo entusiasmo contagioso.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Travolse e uccise un ciclista, 61enne patteggia un anno

TrevisoToday è in caricamento