Poliziotti si fingono vendemmiatori e arrestano un pusher

Operazione della squadra mobile della Questura di Treviso a Vazzola. Arrestato un 44enne albanese che smerciava cocaina nella sua abitazione in aperta campagna

La droga sequestrata dalla polizia

La Squadra Mobile di Treviso, nei giorni scorsi, ha arrestato per spaccio O.G., di origine albanese, di  anni 44, con precedenti di polizia, residente a Vazzola. Gli agenti avevano notato che all’interno del casolare di campagna in cui abitava lo straniero vi era un continuo andirivieni di persone apparentemente non giustificato. Gli agenti, approfittando del fatto che i campi circostanti all’abitazione monitorata erano oggetto di vendemmia, munitisi di attrezzi agricoli, si sono finti contadini dediti alla raccolta dell’uva da prosecco. Avuta la consapevolezza che il flusso di persone nascondeva un traffico di cocaina, gli investigatori hanno organizzato un’irruzione arrestando in flagranza di reato il  44 enne per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel corso dell’operazione sono stati rinvenuti e posti sotto sequestro circa 21 grammi di sostanza stupefacente del tipo cocaina e 0,74 grammi del tipo marjuana, materiale per il confezionamento delle dosi, fra cui una macchina professionale per il sottovuoto, due bilancini di precisione e 3 telefoni cellulari utilizzati per l’attività delittuosa. Dopo l’arresto, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente, l’uomo è stato portato presso la casa circondariale di Santa Bona.

  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Se n'é andata Paola Maiorana, voce storica delle radio private trevigiane

Torna su
TrevisoToday è in caricamento