menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Choc a Vedelago, cucciolo ucciso e gettato in un pozzo

Django, sei mesi, si era allontanato da Montebelluna alcuni giorni fa. Ritrovato lunedì in via Papa Sarto: carcassa recuperata dagli operai del Comune con alcuni corde. Il sospetto della proprietaria: ucciso a badilate perchè dava fastidio

VEDELAGO La carcassa di un cucciolo di cane, di appena sei mesi, è stato rinvenuto nella giornata di lunedì in un pozzo di via Papa Sarto a Vedelago. A segnalarne la presenza è stato un passante che ha segnalato alla polizia locale il ritrovamento: sul posto un vigile ed un operaio del Comune, con alcune corde, hanno recuperato l'animale e allertato il proprietario, grazie alla lettura del microchip di cui il quadrupede era dotato. Il cane, Django il suo nome, apparteneva ad una famiglia residente a Montebelluna in via Storta. Forte l'indignazione per i padroni dell'animale e del web: le foto della carcassa di Django si sono rapidamente diffuse, scatenando l'indignazione e vari congetture circa la sorte del cucciolo.

A chiarire quanto accaduto è Resi Bonora, madre di Marco Sartor, proprietario di Django. "Ieri abbiamo ricevuto la telefonata che mai avremmo voluto ricevere -ci racconta Resi- avevamo due cuccioli, uno di labrador di circa 6 mesi e un bastardino: giovedì notte sono scappati, la mattina dopo ci accorgiamo che i cani non c'erano più. Poco dopo è tornato solo il bastardino. Abbiamo messo annunci per ritrovare Django e abbiamo avuto un sacco di segnalazioni almeno fino a sabato pomeriggio: purtroppo, nonostante fosse in zona, non riuscivamo mai a beccarlo. Purtroppo ieri a mezzogiorno un vigile e un veterinario lo hanno pescato in un canale. Le corde sono state usate per tirarlo su e sono state lasciate attaccate a Django, creando non pochi malintesi. Non si capisce come un labrador anneghi in un fossetto, è inspiegabile: chiaro c'è corrente ma lui di solito ci saltava dentro e fuori, era molto agile. Aveva una ferita sul naso, sembra causata da una badilata. Direi che è più probabile che sia stato ucciso e buttato dentro: chi ha fatto questo merita solo la morte".

Sull'episodio indagano ora i carabinieri di Vedelago: ci sarebbe, pare, già un sospettato, già indicato dai proprietari di Django per recenti dissidi proprio relativi al comportamento dell'animale. L'ipotesi più plausibile è che il quattrozampe sia stato ucciso, forse con un colpo alla testa, e in seguito gettato nella canaletta. Non sarà svolta l'autopsia: la carcassa, per volontà dei proprietari, è già stata tumulata.

40417671_10215122682513291_2328646931913375744_n-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento