rotate-mobile
Cronaca Vedelago

"Ruba" i soldi del marito e lo denuncia per maltrattamenti, 51enne rinviata a giudizio

Una 51enne residente a Vedelago, difesa dall'avvocato Luca Dorella, è stata rinviata a giudizio dal giudice per l'udienza preliminare Marco Biagetti per i reati di furto, appropriazione indebita, violenza privata e calunnia. Avrebbe querelato il coniuge dopo aver tra l'altro sottratto 60 mila euro di risparmi che i due avevano in comune nel conto corrente

Era finito nei guai con la giustizia a causa di una denuncia da parte della moglie che lo accusava di sottoporla a ripetute aggressioni di tipo psicologico, come minacce e ingiurie. E nei suoi confronti era stato aperto un procedimento in cui risultava indagato per maltrattamenti. Ma in realtà era l'uomo, un 55enne, ad essere rimasto vittima dei comportamenti della consorte, che nel corso del 2019 e del 2020 non solo gli avrebbe impedito di fare rientro in casa, chiudendo tutte le porte a chiave e cambiando le serrature, ma gli avrebbe anche spillato la bellezza di 60 mila euro dal conto in banca e circa 600 euro al mese, prelevati in diverse occasioni dal suo portafogli. Per questo una 51enne residente a Vedelago, difesa dall'avvocato Luca Dorella, è stata rinviata a giudizio dal giudice per l'udienza preliminare Marco Biagetti per i reati di furto, appropriazione indebita, violenza privata e calunnia. La prima udienza è stata fissata il prossimo anno.

La vicenda si è snodata nel corso del 2019 e del 2020. I due erano arrivati al capolinea della loro relazione e  la donna non solo ha sottratto 60 mila euro dai risparmi comuni per metterli in un conto corrente aperto a suo nome, ma avrebbe anche "rubato" al marito denaro che lui teneva dentro al portafogli. Colpi ripetuti nel tempo che avrebbero fruttato 500-600 euro. Arrivati ai ferri corti la donna avrebbe poi deciso di metterlo fuori casa: nel settembre del 2020, secondo le accuse che le sono mosse dalla Procura, non solo ha chiuso a chiave tutte le porte interne dello loro casa tenendosi le chiavi, ma avrebbe anche sostituito le serrature impedendo all'uomo, che si era allontanato dall'abitazione in vista della separazione, di recuperare le proprie cose.

Non contenta, nell'ottobre dello stesso anno si presenta ai carabinieri di Vedelago e sporge querela per maltrattamenti, sostenendo che lui la assillava e la tormentava con continue pressioni psicologiche, condite a pesanti ingiurie e minacce.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ruba" i soldi del marito e lo denuncia per maltrattamenti, 51enne rinviata a giudizio

TrevisoToday è in caricamento