Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Vende l'auto della madre quando la donna è ricoverata in casa di cura: a processo

Sotto accusa per falsità materiale un 42enne di Crespano del Grappa: avrebbe falsificato i documenti dell'anziana oltre ai timbri del comune di Castelfranco Veneto

CRESPANO DEL GRAPPA Approfitta del fatto che la madre è in casa di cura per falsificarle la carta d'identità e vendere la sua auto. Una condotta che è costata un processo per falsità materiale a un 42enne di Crespano del Grappa il quale, se riconosciuto colpevole, rischia una pena fino a quattro anni di carcere.

I fatti contestati risalgono al 21 febbraio 2014 quando l'uomo, con la complicità di una donna rimasta ignota, ha preso la carta d'identità della madre mentre questa era ricoverata e ha messo la foto della complice sul documento.

Poi, falsificando anche il timbro del comune di Castelfranco Veneto e la firma del funzionario incaricato, avrebbe modificato anche il modello di autentica di firma sull'atto di trascrizione per la vendita della Fiat Panda.

Infine, presentandosi presso un'agenzia delegata dell'Aci a Ponte di Piave, avrebbe esibito i vari documenti completando l'affare, ovvero il passaggio di proprietà della vettura dalla madre (questa volta il documento d'identità era vero) a lui stesso. Una volta entrato in possesso dell'auto a tutti gli effetti, l'ha venduta per 6.700 euro.

A scoprire il tutto è stato l'amministratore di sostegno della madre, a cui erano stati inviati i documenti relativi al passaggio di proprietà della Fiat Panda. Una volta venuto a conoscenza del fatto ha fatto partire la denuncia che ha spedito il 42enne a processo.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vende l'auto della madre quando la donna è ricoverata in casa di cura: a processo

TrevisoToday è in caricamento