Crac Veneto Banca, tutti archiviati: rimane solo Vincenzo Consoli

Escono dall'indagine su ostacolo alla vigilanza, aggiotaggio e falso in prospetto anche l'ex presidente Flavio Trinca e i manager Faggiani e Bertolo

Vincenzo Consoli ai tempi d'oro

Tutti estranei fuorché Vincenzo Consoli. Con l'accoglimento delle richieste del pubblico ministero escono dall'indagine su ostacolo alla vigilanza, aggiotaggio e falso in prospetto anche l'ex presidente di Veneto Banca Trinca e i manager Faggiani e Bertolo.  Erano rimasti solo loro nella chiusura indagine dell'inchiesta avviata a Roma e poi trasferita per competenza territoriale a Treviso, notificata nel luglio scorso, dopo che ad aprile dal fascicolo erano stati cancellati i nomi anche dell'ex responsabile degli affari societari e legali Fabio Marcolin, dei finanzieri Pietro D’Aguì e Gianclaudio Giovannone  - accusati di aver acquistato obbligazioni con due prestiti da sette milioni e mezzo di euro -  l’ex direttore della Compliance Massimo Lembo, l’ex direttore del dipartimento banche estere e partecipazioni Renato Merlo e i due ex componenti del collegio sindacale, i commercialisti Diego Xausa e Michele Stiz.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma il giudice delle indagini preliminari non ha formato le richieste di archiviazione relative a 5 capi di imputazione riferiti a Consoli e che riguardano operazioni "baciate" (cioè acquisti di azioni o obbligazioni con finanziamenti della stessa Veneto Banca) per un ammontare di quasi 100 milioni. Secondo la relazione del consulente tecnico Gaetano Parisi, dirigente di Banca d’Italia, le informazioni  che Consoli avrebbe nascosto alle autorità di vigilanza relativamente a quelle operazioni avrebbero avuto un impatto “del tutto irrilevante”, visto che riguardavano operazioni finanziarie per qualche decina di milioni a fronte di un patrimonio di vigilanza di circa tre miliardi di euro. Ma per il gip si tratta di una lettura che tiene solo se le diverse operazioni vengono valutate singolarmente e non nel loro complesso. In questo secondo caso infatti, se per quanto riguarda chi in effetti si è fatto finanziare il reato non è configurabile, rispetto a Consoli che avrebbe manovrato tutta l'operazione delle baciate il discorso cambierebbe. Soprattutto prima sarebbe necessario valutare quanti di quei soldi dati al di fuori delle procedure di controllo sull'affidabilità del debitore siano effettivamente rientrati in Veneto Banca e quanti siano invece diventati crediti deteriorati che hanno  impoverito il capitale di vigilanza e di cui non ci sarebbe stata traccia sui bilanci che si sospetta siano stati manipolati per confondere gli organismi che dovevano vigilare. Sulla decisione del giudice, da cui dipende o meno il dissequestro di beni dell'ex ad per circa due milioni di euro, il legale di Consoli ha fatto ricorso in Corte di Cassazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gioca al Lotto e vince 165mila euro centrando una quaterna

  • E' morto Tommaso, il bimbo di Dosson schiacciato da un cancello

  • Ex Caserma Serena: 133 migranti positivi al test del tampone

  • Disperate le condizioni del bimbo schiacciato da un cancello scorrevole

  • Cancello scorrevole si stacca e travolge bimbo di quattro anni, grave in ospedale

  • Coronavirus, Zaia: «In Veneto misure prorogate fino al 15 ottobre»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento