menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Veneto Banca, svolta storica: sì alla trasformazione in Spa

La decisione presa durante l'assemblea degli azionisti. Passano anche la richiesta di quotazione in Borsa e la ricapitalizzazione di 1 miliardo

VOLPAGO DEL MONTELLO- Quella di sabato 19 dicembre è stata una giornata che nel bene e nel male ha segnato la storia di Veneto Banca. A Venegazzù di Volpago del Montello è infatti andata in scena l’assemblea straordinaria alla presenza di oltre settemila azionisti. Tre i punti all’ordine del giorno votati per alzata di mano: la trasformazione in Spa, l’aumento di capitale per un miliardo di euro e l’approdo in Borsa. Sono passate tutte e tre le richieste, con maggioranze ampissime, in un clima più quieto di quanto atteso alla vigilia.

Dopo 130 anni di storia Veneto Banca dunque svolta: da banca popolare a società per azioni. Il passaggio avverrà tra marzo e aprile del prossimo anno. "Verranno accertate le responsabilità delle precedenti amministrazioni": ha detto a margine dell'assemblea il presidente di Veneto Banca, Pierluigi Bolla. Dopo una vigilia carica di tensione, si è arrivati a un'assemblea dai toni molto accesi a causa del crollo del prezzo delle azioni: dopo il record di oltre 40 euro nel 2013 e i 39,5 euro del 2014, lo scorso aprile era stato fissati 30,5 euro. Ora il nuovo valore di riferimento è rappresentanto dai 7,30 euro del prezzo di recesso. Rimborso virtuale, poichè la banca ha annunciato di servirsi della possibilità offerta dalla normativa di rinviare il pagamento, non avendo sufficiente capitale per rifondere i soci.

La svolta votata oggi permetterà alla popolare di evitare il commissariamento e le norme sulla risoluzione bancaria che hanno già colpito la Banca Etruria e le sue sventurate sorelle. Inutile negare però che si tratta di un vero e proprio salasso per i numerosi detentori dei titoli che ha indotto oggi il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, a dichiarare l’immediata disponibilità ad "avviare un fondo di solidarietà a sostegno dei risparmiatori più colpiti dalla crisi delle popolari venete, attraverso la finanziaria regionale: Veneto Sviluppo". Idea lodevole sulla carta, ma per il momento ancora molto lontana dalla sua effettiva attivazione

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento