rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca Montebelluna

Veneto Banca, sindacati: "Rassicurazioni dal presidente Favotto"

Le rappresentanze sindacali hanno incontrato il presidente: "La nostra banca può continuare la propria attività, anche in autonomia"

MONTEBELLUNA “La nostra banca può continuare la propria attività anche in autonomia”. Parole rassicuranti quelle pronunciate dal presidente di Veneto Banca Francesco Favotto in occasione di un incontro richiesto dai sindacati in seguito alle perquisizioni effettuate dalla guardia di finanza nella sede di Montebelluna nell’ambito di un’inchiesta per ostacolo alla vigilanza. Toni pacati, lucidità e idee chiare sono le caratteristiche, secondo le rappresentanze sindacali, dimostrate dal presidente dell’istituto di credito insediatosi il 26 aprile 2014.

“Il Professor Favotto ha dichiarato che i dati di bilancio e gli andamenti previsionali consentono di poter affermare con serenità che la nostra banca può continuare la propria attività, anche in autonomia – spiegano i sindacati -. Ci ha inoltre comunicato che, a seguito dell’autorizzazione della cessione delle quote della Banca IPIBI, il CET1 ha avuto un incremento di 0,12% che, a oggi, lo porta al valore assoluto di 9,9% e che verrà rafforzato con la cessione di BIM il cui “iter è stato formalizzato””.

Favotto, nell’ambito dell’incontro, ha annunciato che il nuovo piano industriale vedrà la luce a fine marzo e che verrà preliminarmente presentato alle parti sociali. “Far riprendere alla banca la voglia di fare banca” e “la nostra è una dimensione giusta per i mercati che serviamo”, queste le parole di Favotto che crede possibile mantenere un radicamento sul territorio, pur adeguandosi alle indicazioni delle BCE, con una trasformazione “da banca commerciale a istituzione finanziaria”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Veneto Banca, sindacati: "Rassicurazioni dal presidente Favotto"

TrevisoToday è in caricamento