menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Cibo, foto archivio

Cibo, foto archivio

Writer trevigiano cancella le svastiche dai muri, bomba carta sotto l'auto

Grave ritorsione subita da Pier Paolo Spinazzè, in arte Cibo, artita di Vittorio Veneto trapiantato a Verona. Indagano i carabinieri. «Noi veronesi di cuore e di cultura siamo assediati dall'odio»

Siate la persona che volete incontrare, siate buoni! Verona, ama! Con queste parole si conclude il messaggio di ringraziamento che il writer vittoriese Pier Paolo Spinazzè, in arte Cibo, ha voluto inviare a coloro che si sono mostrati e continuano a mostrarsi solidali con lui. Sabato scorso, 2 novembre, l'artista che copre svastiche e croci celtiche dai muri disegnando prodotti alimentari ha avuto un brutto risveglio. Ignoti, infatti, hanno fatto esplodere una bomba carta sotto la sua auto. Una ritorsione ben più grave rispetto a quelle che purtroppo il writer deve sopportare. E per questo Cibo si è rivolto ai carabinieri. «Purtroppo Verona è ostaggio di queste persone», ha commentato Pier Paolo Spinazzè, riferendosi a coloro che si riconoscono in quei simboli d'odio che il writer continuerà a cancellare.

«La cosa grave è che questo odio trova copertura nella politica locale - conclude Cibo - Per noi scaligeri è folklore che un consigliere faccia il braccio teso in consiglio comunale, oppure che altro consigliere cancelli il murales sul femminicidio o sindaci che sminuiscono atteggiamenti razzisti di una minoranza minorata. Le istituzioni hanno perso il valore della parola, la memoria, il rispetto, l'empatia. Noi veronesi di cuore e di cultura siamo assediati dall'odio, ma non per questo deve passarci l'appetito, anzi! Per quel che mi riguarda ho molta fame!».

cibo businarolo-2-2

Una bomba carta sotto l'auto di un writer che cancella le svastiche sui muri, il sindaco di Predappio che nega i fondi che permettono agli studenti di visitare Auschwitz, mentre una sopravvissuta a quel campo di concentramento deve addirittura vivere sotto scorta ed una libreria antifascista a Roma è stata data alle fiamme due volte. Se questa è goliardia.

E ai tanti messaggi di solidarietà a Cibo, si è aggiunto anche quello della deputata veronese del Movimento 5 Stelle Francesca Businarolo. «Cibo è impegnato, tra l'altro, nella meritoria opera di cancellazione delle svastiche e di tutti i simboli nazifascisti -scrive la parlamentare- Questo suo impegno è nel mirino di vigliacchi e facinorosi che spero siano individuati al più presto dalle forze dell’ordine. Presenterò una interrogazione parlamentare al ministro dell'interno, perché è necessario un monitoraggio del nostro territorio contro le azioni violente dei settori filonazisti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Coniglietto intrappolato nel camino: salvato dai pompieri

  • Eventi

    La lotta alla Mafia di Falcone e Borsellino raccontata da Pietro Grasso

  • Attualità

    Premio “Giuseppe Mazzotti” Juniores: prorogata la scadenza del bando

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento