Venerdì, 19 Luglio 2024

Omicidio di Alex, sopralluogo dei carabinieri sul luogo del delitto

I militari dell'Arma nell'Abbazia di Vidor dove il 25enne di Marcon ha perso la vita. Presenti il pm Valmassoi e l'anatomopatologo Furlanetto: si cercano tracce di sangue, verifiche sul terrapieno da cui il barista di Marcon potrebbe essere stato gettato

I carabinieri del nucleo investigativo di Treviso, della Compagnia di Vittorio Veneto, della polizia scientifica, oltre al pubblico ministero Giovanni Valmassoi e l'anatomopatologo Alberto Furlanetto. Era così composta la task force che ha svolto nella mattinata di oggi, 10 luglio, un sopralluogo nell'area dell'Abbazia di Santa Bona di Vidor dove, nella notte tra il 29 ed il 30 giugno, è stato assassinato Alex Marangon. L'intervento nell'area è utile per circoscrivere il luogo in cui Alex può essere stato ucciso, dalle vie di accesso al Piave alla terrazza che si affaccia sul fiume. Da qui, dal punto da cui sarebbe stato gettato il corpo, è stata eseguita una misurazione. Sono stati eseguiti rilievi fotografici e non è chiaro se sia stato repertato qualche oggetto. Gli inquirenti hanno annunciato per la giornata di domani, 11 luglio, un'importante conferenza stampa convocata dal Procuratore capo Marco Martani per fare il punto sulle indagini. Intanto in questi giorni le persone presenti all'evento di "musica medicina" organizzato da Andrea Zuin sono state nuovamente risentite dai carabinieri, compresi i due curanderos: incrociando le testimonianze con quando constatato durante il sopralluogo avrebbe permesso di avere informazioni molto utili per l'inchiesta.

Omicidio Vidor sopralluogo-2

I funerali si svolgeranno sabato 13 luglio alle ore 10 presso la chiesa parrocchiale di Marcon. In occasione delle esequie il sindaco Matteo Romanello ha dichiarato il lutto cittadino. "Anche se ci fossero più persone a cui facesse piacere suonare altri strumenti all'uscita dalla chiesa, ci farebbe un immenso piacere" ha scritto qualche giorno fa il padre, Luca, sui social "Vorremmo accompagnare Alex in questo nuovo viaggio con i suoni dello strumento che tanto amava, se qualcuno fosse disponibile a suonare l'handpan (tamburo armonico) al suo funerale per qualche minuto ad inizio o fine della cerimonia mi contatti su Messenger".

Federica Sciarelli conduce l'ultima puntata stagionale di “Chi l'ha visto?”, in onda mercoledì 10 luglio, dalle 21.20 su Rai 3, offrendo aggiornamenti e approfondimenti su vicende umane drammatiche e complesse. Sono diversi i casi trattati, che da giorni o settimane stanno tenendo il pubblico con il fiato sospeso.

Chi l'ha visto?: le anticipazioni del 10 luglio 2024

Uno dei casi principali casi dell'ultimo appuntamento stagionale con "Chi l'ha visto?" riguarda Nessy Guerra, la giovane madre di 25 anni originaria della Liguria, che si trova bloccata in Egitto, a Hourgada, insieme alla sua bambina. Vittorio Romano, inviato di "Chi l'ha visto?", è riuscito a raggiungere Nessy per raccontare in prima persona le sue difficoltà. Accusata ingiustamente di adulterio dal suo ex marito, Tamer Hamouda, un uomo descritto come geloso, possessivo e violento, Nessy è intrappolata in una battaglia legale per la custodia della figlia. La situazione si complica ulteriormente con l'annuncio di una ricompensa per chi fornisca informazioni su di lei e sulla bambina, costringendo Nessy a fuggire nuovamente e nascondersi. La puntata svelerà le ultime novità e gli sviluppi di questa intricata vicenda.

I genitori di Alex saranno in diretta questa sera su "Chi l'ha visto" (raitre) per rivolgere un appello a chiunque abbia partecipato al ritiro e possa fornire informazioni utili. Le indagini hanno portato all'individuazione di due sciamani sudamericani presenti la notte della morte di Alex. Si ipotizza che Alex, durante il ritiro sciamanico "Sol de Putumayo", abbia assunto ayahuasca, una droga allucinogena utilizzata nei riti, e sia stato seguito dai due sciamani mentre si allontanava dall'abbazia sconsacrata.

Omicidio Vidor sopralluogo 2-2

Video popolari

TrevisoToday è in caricamento