menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Villa Bolasco: via libera della giunta comunale al bando per la gestione del giardino storico

Nuovo accordo tra il comune di Castelfranco Veneto e l'Università degli studi di Padova con l’obiettivo di valorizzare e rendere fruibile lo storico polmone verde della città

CASTELFRANCO VENETO La Giunta comunale di Castelfranco Veneto si è riunita giovedì mattina dando il via libera al bando per la gestione dell’apertura al pubblico del Giardino Storico di Villa Revedin Bolasco. L’Amministrazione cittadina, tra i vari punti discussi prima della pausa di metà agosto, concretizza un nuovo passo in seno alla convenzione stipulata con l’Università di Padova, con l’obiettivo di valorizzare e rendere fruibile alla cittadinanza ed ai visitatori il celebre e storico polmone verde della Città.

«Ci tengo a sottolineare - spiega il vicesindaco con delega all’Università, Gianfranco Giovine - che i rapporti in essere con l’Ateneo padovano proseguono senza intoppi e mai come con la nostra Amministrazione sono favorevoli. Anzi abbiamo aperto la porta a nuovi sostegni, non solo con Padova. Consiglio ai nostri detrattori di approfondire meglio la questione perché, tra le altre, il nuovo ufficio dell’Università, creato per la gestione del patrimonio, riguarda nel nostro caso il solo complesso della Villa e non il Giardino. Su questo punto assicuro non ci saranno rallentamenti nel nostro percorso. A settembre abbiamo in programma un incontro ma non è legato né al bando né a condizioni nuove poste sul Giardino».

Ricevuto il semaforo verde dal Governo cittadino, il Bando verrà a stretto giro reso disponibile nei canali online dell’Amministrazione e negli Uffici comunali competenti, con una tempistica di risposta previste nell’arco di 30 giorni. Tra le varie incombenze richieste è stata indicata la presa in carico del controllo degli accessi e la sorveglianza, l’accoglienza e gestione del punto informazioni, la pulizia dell’area oltre a varie attività accessorie. «Siamo in linea con i tempi di valutazione dell’Università e con il nostro iter amministrativo dopo la manifestazione di interesse di Primavera – conclude il Vicesindaco – La delibera di questa mattina è la doverosa risposta ad un impegno preso per l’interesse di tutta la Città».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Attualità

Covid alle superiori: «Metà dei contagi non è avvenuta a scuola»

Attualità

Scuola elementare "Ancillotto": «In isolamento tutte le classi»

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Raid nella notte, negozio islamico dato alla fiamme

  • Cronaca

    Accesso abusivo alle banche dati, finanziere arrestato

  • Attualità

    Asolo, malore sul lavoro: dipendente comunale muore a 44 anni

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento