menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Casa Marani

Casa Marani

Tenta di sventrare la cassaforte ma il colpo in casa di riposo fallisce

Nel mirino dei ladri "Casa Marani" a Villorba. Il malvivente, immortalato dalle telecamere di videosorveglianza, è stato costretti a scappare a mani vuote: aveva fatto scattare sia l'allarme anti-intrusione che l'antincendio

E' miseramente fallito un colpo tentato, nella notte tra domenica e lunedì, poco dopo le 3, da un ladro solitario all'interno della casa di riposo per anziani "Casa Marani" di Villorba, in vicolo Silvio Pellico. Dopo aver forzato una finestra, il malvivente è entrato negli uffici dove ha cercato di sventrare una cassaforte a muro, utilizzando un flessibile. Il ladro è stato però costretto a scappare a mani vuote: la sua incursione, immortalata dalle telecamere di videosorveglianza, ha infatti fatto scattare sia l'allarme anti-intrusione che l'antincendio. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del nucleo radiomobile di Treviso e i vigili del fuoco.

IL COMUNICATO EMESSO DALLA CASA DI RIPOSO E’ stato l’allarme antincendio, entrato prontamente in funzione stanotte verso le tre, a far scattare la difesa di Casa Marani durante un tentativo di furto della cassaforte. Un ladro, come hanno evidenziato le immagini girate dalle telecamere di sorveglianza, si è introdotto nell’ufficio del personale dopo aver forzato la finestra e con un flessibile ha tentato di aprire la cassaforte. Subito è scattato l'allarme antincendio, le operatrici sono corse verso gli uffici ed hanno allertato i Vigili del Fuoco ed il manutentore della struttura, verificando che non si trattava di un incendio, bensì di un tentativo di furto aggravato. Il malintenzionato è riuscito nel frattempo a fuggire, portando via un anello di scarso valore appartenuto ad un’ospite deceduta nel 2003 e rimasta senza parenti ai quali riconsegnarlo. Immediato l’arrivo di una pattuglia dei Carabinieri di Treviso (in mattinata anche una pattuglia da Villorba) e contestuale la denuncia alle forze dell’Ordine presentata dal direttore di Casa Marani Enrico Giovanardi.

Dalle immagini del circuito di sorveglianza si vede chiaramente il ladro scavalcare la recinzione dalla parte di Vicolo Silvio Pellico e forzare la finestra dell’ufficio dov’è custodita la cassaforte a muro. Con l’ausilio di un flessibile è riuscito solo parzialmente ad aprirla e dalla fessura ha potuto prelevare la busta contenente l’anello. Ulteriori verifiche sono in corso per stabilire se manchi qualcos’altro dalla cassaforte. Si tratta del secondo tentativo di furto con le medesime modalità nel giro di un mese o poco più. Il 15 gennaio scorso si erano presentati in due a Casa Marani, sempre a volto coperto. I malviventi in quell’occasione avevano forzato la stessa finestra e rovistato la stanza senza apparentemente scoprire dove fosse nascosta la cassaforte. Al momento non ci sono sospetti da parte dei vertici di Casa Marani. Al vaglio degli inquirenti ci sono, naturalmente, anche le immagini registrate dalle telecamere di sicurezza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento