Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In 500 a ballare nel locale, blitz della polizia sabato notte

In arrivo pesanti sanzioni per l'“Oxigen” di Villorba, in viale della Repubblica. Si serviva da bere sia all'interno che all'esterno del locale. Festa interrotta dopo mezzanotte dall'intervento degli agenti della sezione amministrativa della Questura e dei vigili del fuoco

 

Erano più di 500, quasi tutti ragazze e ragazzi di circa 20 anni, tutti accalcati a bere e ballare, senza nessun rispetto della distanza minima di almeno un metro e delle normative per prevenire la diffusione del Covid 19. Questo quanto hanno scoperto gli agenti della Questura di Treviso e del comando provinciale di Treviso intervenendo sabato notte durante un controllo straordinario svolto nella notte tra sabato e domenica all'"Oxygen" di viale della Repubblica a Villorba.

Il controllo, effettuato intorno alle 00.30, ha permesso di appurare una situazione di notevole pericolo sia dal punto di vista sanitario che di pubblica sicurezza, a causa del sovraffollamento di avventori rispetto all’effettiva capacità del locale e all’accertata inidoneità strutturale dello stesso. Le inadempienze accertate in violazione dei disposti normativi anti COVID hanno reso necessaria l’immediata interruzione dell’attività di somministrazione e la chiusura temporanea dell’esercizio al fine di impedire la prosecuzione o la reiterazione della violazione dei protocolli e delle linee guida nazionali e regionali, così come previsto dalle vigenti disposizioni.

«Gravi e pericolose sono risultate -si legge in un comunicato- anche le inadempienze delle norme in materia di sicurezza ed antincendio in quanto il locale presentava estintori non revisionati ed uscite di sicurezza e percorsi di esodo ostruiti, che avrebbero pericolosamente ostacolato l’eventuale evacuazione d’urgenza dei clienti dal locale». L’attività da ballo, svolta senza permessi, non essendo mai stato il locale preventivamente autorizzato allo svolgimento, costituisce una recidiva specifica per l’esercizio che era stato già sanzionato nell’anno in corso. Al fine di poter accogliere un numero sempre più maggiore di clienti, l’attività di somministrazione era svolta anche in un’area esterna adiacente al locale, una terrazza, predisposta in difetto di concessioni e di rilevazioni tecniche.

Per quanto accertato, ai gestori del locale verranno contestate varie violazioni amministrative che prevedono sanzioni pecuniarie per diverse migliaia di euro, mentre sono in corso ulteriori accertamenti e riscontri per verificare eventuali conseguenze penali, con particolare riguardo alla mancanza dei requisiti autorizzatori di pubblica sicurezza e di agibilità dei locali. Il Questore, vista anche la gravità dell’episodio, preannuncia che saranno effettuati ulteriori stringenti controlli nei prossimi giorni per garantire il rispetto delle misure di distanziamento e di anti assembramento, nonché della normativa di sicurezza in genere, negli esercizi pubblici del Trevigiano.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento