Violenza sessuale ai danni della collega: 50enne a processo

In tribunale a Treviso è iniziato il processo che vede coinvolti due dipendenti della casa di riposo Fenzi a Conegliano. La difesa del 50enne accusato: «Non ho fatto nulla»

Il tribunale di Treviso (Foto d'archivio)

Prima mesi di insistenti corteggiamenti e fastidiose avances, poi un'aggressione nello spogliatoio femminile in cui è stata costretta a spogliarsi davanti a lui. Pochi minuti dopo, in macchina, un nuovo approccio e all'ennesimo rifiuto è stata malmenata.

E' la storia raccontata da una 40enne operatrice della casa di riposo Fenzi di Conegliano che ha denunciato per violenza sessuale M.V., un collega 50enne. La vicenda, affrontata oggi, martedì mattina, nel corso della prima udienza del processo a carico dell'uomo, si sarebbe svolta a cavallo tra la fine del 2016 e l'aprile del 2017. La 40enne ha raccontato di aver subito più volte gli approcci del 50enne, sempre respinti. Fino a quando, ad aprile del 2017, una sera alla fine del turno, il collega che le aveva chiesto un passaggio a casa le si sarebbe parato davanti all'interno dello spogliatoio per il personale femminile della struttura coneglianese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Mi ha messo le mani addosso e mi ha costretto a spogliarmi davanti a lui» ha raccontato nella sua denuncia. Perché poi, malgrado l'accaduto, l'operatrice sanitaria abbia comunque deciso di dare un passaggio al collega che aveva mostrato quell'interesse morboso nei suoi confronti non è ancora chiaro. Ma durante quel viaggio M.V. ci avrebbe "riprovato" e dopo essere stato respinto avrebbe colpito la 40enne con una sberla, tanto che la donna il giorno si è presentata al lavoro con un livido in faccia. La difesa dell'infermiere è netta: «Nessuna violenza, nessuna morbosità, eravamo buoni amici e io non ho fatto nulla». Sullo sfondo della storia anche le "dicerie" sulla natura del rapporto tra i due e i problemi disciplinari del 50enne, che sarebbe stato sanzionato 4 volte dalla dirigenza di casa Fenzi, in almeno due casi anche per aver consumato alcolici durante le ore di lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gioca al Lotto e vince 165mila euro centrando una quaterna

  • E' morto Tommaso, il bimbo di Dosson schiacciato da un cancello

  • Ex Caserma Serena: 133 migranti positivi al test del tampone

  • Disperate le condizioni del bimbo schiacciato da un cancello scorrevole

  • Cancello scorrevole si stacca e travolge bimbo di quattro anni, grave in ospedale

  • Coronavirus, Zaia: «In Veneto misure prorogate fino al 15 ottobre»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento