rotate-mobile
Venerdì, 12 Aprile 2024
Cronaca Vittorio Veneto

Aggressione razzista degli ultras del Treviso, vittima depone in aula

I fatti sarebbero accaduti a Vittorio Veneto il 25 aprile del 2018. A processo con l'accusa di lesioni aggravate dall'odio etnico razziale e nazionale e danneggiamenti ci sono il 27enne Nicolò Cervi, la 42enne Antonella Pavone, entrambi di Treviso, il 50enne Alessandro Rossi e il 40enne Pierpaolo Nicola di Ponzano

«Non auguro a nessuno di passare i momenti che ho vissuto io». Lo ha detto oggi, venerdì 8 ottobre nella sua deposizione, il cittadino marocchino 43enne che il 25 aprile del 2018 venne picchiato davanti alla figlia a Vittorio Veneto da quattro ultras del Treviso Calcio, che erano appena stati a vedere la finale della Coppa Veneto  dilettantistica tra il Treviso e l'Opitergina. 

A processo, con l'accusa di lesioni aggravate dall'odio etnico razziale e nazionale e danneggiamenti ci sono il 27enne Nicolò Cervi, la 42enne Antonella Pavone, entrambi di Treviso, il 50enne Alessandro Rossi e il 40enne Pierpaolo Nicola di Ponzano (tutti difesi dall'avvocato Fabio Crea), già raggiunti da un Daspo emesso dal questore di Treviso, che gli impedirà di partecipare o accedere a eventi sportivi per cinque anni. A fare le spese della loro violenza ci sarebbe stato anche un secondo cittadino nordafricano di 22 anni.

«Ho notato - ha detto in aula il 43enne - che erano tutti su di giri, forse per le birre che avevano in mano. Io stavo passeggiando con mia figlia, allora 13enne. Indossavo una maglietta da calcio del Real Madrid e loro mi hanno chiesto se fossi spagnolo. A quel punto, ero quasi arrivato a casa, un mio vicino mi ha chiesto, in arabo, se andasse tutto bene. E' allora, quando hanno capito che ero un marocchino, che è scattata la violenza. Ricordo che uno ha esclamato "mi sono veneto", poi sono cominciati e calci e i pugni. Mia figlia è riuscita a trovare rifugio all'interno del condominio, dove poi sono giunto anche io ma i quattro sono riusciti ad entrare».

Nella colluttazione il 43enne ha riportato escoriazioni al collo, alla testa e contusioni al torace. Il 22enne, a cui uno dei quattro avrebbe anche fatto con le mani il gesto del taglio del collo, ha invece ha rimediato un trauma facciale, la rottura delle ossa del naso e traumi ad una spalla giudicati guaribili in quindici giorni. Fortunatamente incolume ma in forte stato di choc la 13enne. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressione razzista degli ultras del Treviso, vittima depone in aula

TrevisoToday è in caricamento