rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Cronaca Vittorio Veneto

Molotov e bombe a Vittorio Veneto, spunta la pista venetista

Una missiva firmata "I love Venethia" è stata recapitata presso l'abitazione del professor Pietro Panzarino, a Colle Umberto. Indagini sono in corso da parte dei carabinieri

COLLE UMBERTO Una lettera, firmata "I love Venethia" è stata recapitata nei giorni scorsi presso l'abitazione di Colle Umberto del professor Pietro Panzarino, giornalista ed ex dirigente scolastico del liceo classico e scientifico Flaminio. I volantino sarebbe una rivendicazione dell'attentato esplosivo di qualche giorno fa al municipio di Vittorio Veneto.

Questo il testo del volantino: attentato Vittorio Veneto h.01.30 notte tra il 22/23 novembre 2016; non sono stati volutamente fatti danni materiali a cose o persone; inizia il percorso determinato che non cesserà fino al completo sgombero dei terreni veneti appartenenti alla Repubblica Serenissima; italia stato oppressore della Venethia da 150 anni; la firma rivendicata è stata fatta sul lato destro del municipio di Vittorio Veneto e prontamente cancellata dai servizi dello stato italiano.

Sull'episodio indagano ora i carabinieri di Vittorio Veneto che hanno acquisito la missima: accertamenti sono infatti in corso sul volantino che potrebbe essere frutto della fantasia di un mitomane.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Molotov e bombe a Vittorio Veneto, spunta la pista venetista

TrevisoToday è in caricamento