menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bullismo e cyberbullismo, la lezione della polizia agli studenti del "Da Ponte"

La scuola ha voluto organizzare anche un incontro serale con i genitori, nel corso del quale il dirigente del Commissariato, Massimo Olivotto, ha spiegato la pericolosità dei social network, dando loro dei consigli

Gli studenti e gli insegnanti dell’Istituto "Da Ponte" di Vittorio Veneto hanno accolto con interesse ed entusiasmo la lezione sull’educazione alla legalità tenuta da Massimo Olivotto, dirigente del Commissariato di Conegliano. Nel corso dell’incontro, il dirigente ha parlato di numerosi tipi di condotta illecita tra i giovani ed in particolare del bullismo e cyberbullismo, che ciclicamente si ripresentano sotto forme diverse e con rinnovata pericolosità nei confronti del mondo giovanile.

IMG-20181113-WA0001(1)-3

Ha affrontato, inoltre, il tema delle sostanze stupefacenti, dei diversi tipi di droga, spiegando le conseguenze dannose, sia fisiche che  psichiche che tali sostanze possono avere sui giovani. Alla fine degli incontri gli studenti hanno posto numerose domande e il dirigente ha chiarito loro altrettanti dubbi. «Siamo soddisfatti dell’incontro perché abbiamo visto gli studenti attenti e coinvolti»: ha dichiarato la professoressa responsabile del progetto di “educazione alla legalità”. Dopo il successo avuto con gli studenti, la scuola ha voluto organizzare anche un incontro serale con i genitori, nel corso del quale il Dirigente del Commissariato, ha spiegato la pericolosità dei social network, dando loro dei consigli per evitare che i propri figli incorrano in reati o cadano vittime per l’utilizzo scorretto di internet.

Anche l’Istituto comprensivo di San Vendemiano ha visto la presenza dei poliziotti del Commissariato per una lezione sulla legalità. Questi appuntamenti proseguiranno anche nelle scuole di Santa Lucia di Piave e Conegliano così come i controlli antidroga davanti alle scuole, voluti dal Questore, che rientrano nell'ambito del progetto di educazione alla legalità  e sono finalizzati al contrasto del fenomeno dello spaccio e uso di sostanze stupefacenti particolarmente diffuso tra i giovani.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

social

Le voci più belle del Festival di Sanremo sono venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento