menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Morta per le fiamme ad un distributore, condannato il marito

Morta per le fiamme ad un distributore, condannato il marito

Morta nel rogo del suo camper, condannato il marito

Ilona Vinco, 71enne di Camposampiero, è deceduta in seguito alle fiamme che si svilupparono mentre il mezzo era fermo a San Floriano per un rifornimento di gpl

Aveva lasciato il motore acceso. Per questa ragione, il 12 settembre del 2016, era scoppiato un incendio, presso un stazione di servizio, che aveva coinvolto il camper durante il rifornimento, uccidendo la donna. Per quei fatti oggi, mercoledì 27 gennaio, il marito di Ilona Vinco, 71anni di origine tedesca, è stato condannato ad un anno e sei mesi di reclusione per omicidio colposo.

Enrico, questo il suo nome, 75enne che con la moglie viveva a Camposampiero, sarebbe stato l'indiretto responsabile della fiammata letale che ha investito la donna durante un rifornimento di gpl. L'incidente si era subito rivelato grave: le fiamme avevano distrutto, oltre al camper, anche l'impianto Api di San Floriano dove la coppia di Camposampiero si era fermata a fare rifornimento. A un certo punto, il titolare ha sentito un boato, poi il fuoco ha letteralmente distrutto il camper e la struttura. Salvi per miracolo i due uomini, la peggio è toccata alla donna rimasta dentro il camper. Ilona Vinco era morta qualche giorno dopo  nel Reparto Grandi Ustionati di Padova.

I coniugi Vinco, per molti anni, avevano abitato in Germania, paese natale della donna. Enrico si era trasferito lì per lavoro e dopo la pensione erano rientrati a Camposampiero.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

social

Le voci più belle del Festival di Sanremo sono venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento