Cronaca

Ecovandali, telecamere mobili scoprono 14 cittadini

A Vittorio Veneto sono stati identificati i veicoli di numerosi trasgressori. Pronte a partire le prime sanzioni per chi abbandona i rifiuti

Ecovandali in azione

«I vittoriesi sono stanchi di chi abbandona l’immondizia nel territorio - dichiara l’Assessore all’Ambiente Bruno Fasan - e adesso cominceremo a rendere loro la vita sempre più difficile!». Detto e fatto: a Vittorio Veneto si alza il livello dello «scontro» tra ecovandali da un lato ed Amministrazione e Savno dall’altro. «È ora di finirla - continua Fasan - con chi riempie le nostre strade di rifiuti di ogni genere». Gli incivili che si liberano dell’immondizia lanciandola dalle auto in corsa o la abbandonano pensando di non essere visti, sono avvisati: occhi elettronici stanno in agguato. Una prima operazione contro i furbetti della spazzatura si è conclusa proprio nelle ultime ore. Per ben sei giorni, è stata tenuta sotto costante controllo una delle aree dove sono più attivi. I risultati purtroppo - a testimonianza dell’assenza di educazione civica di molti - non sono mancati.

Pertanto, a breve, quattordici soggetti, incastrati dalle riprese video, saranno destinatari di altrettante, pesanti, sanzioni pecuniarie. «Sono stati registrati 25 episodi di abbandono di immondizia - spiega Fasan - attuati trasportando i rifiuti con 13 veicoli, alcuni dei quali si sono ripresentati più volte a ‘’scaricare’’. Gli ‘’ecofurbi’’ hanno gettato di tutto: materiali ingombranti, come materassi e mobili, sacchi di varie dimensioni, borsette ed altri sacchi abbastanza grandi e pesanti da dover essere spostati da due persone. È stato abbandonato anche materiale derivante presumibilmente da lavori edili».  Le sanzioni verranno emesse dal Consiglio di Bacino Sinistra Piave, il consorzio di 44 Comuni che si occupa della gestione integrata dei rifiuti urbani, servendo una popolazione di oltre 306.000 abitanti. L’impiego delle telecamere mobili posizionate a sorpresa in punti non rivelati del territorio - ed in grado di restare «in agguato» per giorni - si sta rivelando uno strumento assai efficace nel contrasto agli illeciti contro l’ambiente. Per le tasche degli ecovandali saranno dolori. La zona oggetto dei controlli, ubicata questa volta nei pressi del centro cittadino, non viene rivelata. La sorveglianza continuerà in tutto il vittoriese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecovandali, telecamere mobili scoprono 14 cittadini

TrevisoToday è in caricamento