Speronò un motociclista, condannato a due mesi di reclusione

Il 3 agosto del 2018 Ivan Giannotto, 44enne di Vittorio Veneto, centrò da dietro un giovane 31enne che stava andando in scooter, facendolo sbattere contro un'auto in sosta

Nella foto una "gazzella" dei Carabinieri

Aveva urtato un ciclomotore, facendolo finire contro un'auto in sosta e provocando al conducente del due ruote una lesione alla spalla. Per questo Ivan Giannotto, 44enne di Vittorio Veneto, è stato condannato oggi, venerdì 11 dicembre, a due mesi di reclusione con la condizionale per lesioni stradali colpose

L'uomo, difeso dall'avvocato Mario Nordio, si era opposto ad un decreto penale che lo condannava a 12 mila euro. Il 3 agosto del 2018 era alla guida della sua Renault Laguna e procedeva lungo via Galilei, che è una strada a senso unico, nel comune di Vittorio Veneto. Ad un certo punto ha speronato uno scooter Malaguti, con alla guida Derfell Moro, 31 enne ugualmente di Vittorio Veneto, urtandolo nella parte posteriore. Per effetto della collisione, che il processo ha appurato essere stata il frutto della negligenza dell'automobilista,  il centauro cadeva a  terra andando ad impattare contro un'auto parcheggiata sul bordo della strada, riportando un trauma contusivo alla spalla destra, che gli impediva di svolgere le proprie normali attività per un periodo superiore ai 40 giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Telepass: «Due anni di canone gratuito per i residenti nella Marca»

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento