rotate-mobile
Giovedì, 25 Aprile 2024
Cronaca Zero Branco / Via Cappella

Incidente al centro disabili, giovane ferisce psicologa con un coltello

L'episodio lunedì mattina, 17 aprile, presso il centro "Terra libera tutti". Durante un laboratorio di cucina uno dei ragazzi ha accoltellato la psicologa girandosi di scatto, spaventato da un rumore improvviso

Tragedia sfiorata nella mattinata di oggi, lunedì 17 aprile, a Zero Branco presso il centro di co-hausing per persone disabili "Terra libera tutti". Durante un laboratorio di cucina in cui gli ospiti del centro stavano sbucciando delle patate per preparare il pranzo del lunedì, un rumore improvviso ha spaventato un ragazzo 29enne affetto da disabilità che, girandosi di scatto, ha ferito con il coltello la psicologa 32enne del centro, residente a Scorzè, nel Veneziano. Il 29enne è stato denunciato con l'accusa di lesioni personali aggravate. La sua posizione è al momento al vaglio dell'autorità giudiziaria e, nei prossimi giorni, sarà sottoposto a una nuova valutazione psichiatrica. 

L'intervento dei carabinieri a Zero Branco-2

Sul posto sono intervenuti poco dopo medico e infermieri del Suem 118 con ambulanza, automedica ed elicottero. La prognosi per la dottoressa ferita è di una quarantina di giorni. I carabinieri della stazione di Zero Branco hanno svolto i rilievi del caso. In mattinata anche il sindaco Luca Durighetto si è recato presso la struttura per verificare quanto accaduto: «Terra libera tutti - spiega - è una realtà attiva a Zero Branco da ormai quasi cinque anni e ha altre tre sedi a Scorzè. Un centro con cui abbiamo collaborato più volte come amministrazione comunale e che porta avanti un progetto lodevole di sostegno ai giovani con difficoltà. Fortunatamente la psicologa del centro non è in pericolo di vita. A lei va tutta la nostra vicinanza in questo momento» conclude.

Andrea Gambardella-2

Il giovane in passato era già stato protagonista di alcuni episodi di aggressività rimasti però sempre sotto controllo, secondo quanto riferito dal personale del centro di Zero Branco. Il ragazzo si è reso conto subito dopo l'incidente di quanto aveva fatto. Dalla struttura sarà quindi riportato in famiglia venendo però seguito dal personale del centro per elaborare l'accaduto che ha provocato un forte stress anche negli altri ospiti della struttura. «Nel caso in cui dovessero esserci ripercussioni legali Terra libera tutti è pronta a dare il proprio supporto in primis alla psicologa ferita ma anche al ragazzo nel caso dovesse venire indagato - conclude Andrea Gambardella, responsabile del centro di Zero Branco -. Il suo percorso insieme a noi stava avendo grandi progressi, purtroppo oggi si è interrotto in modo davvero brusco».

I commenti

«Rivolgo i più sinceri auguri di pronta guarigione alla psicologa rimasta ferita oggi a Zero Branco - le parole del Governatore Luca Zaia -. Si tratta di professioniste e professionisti che operano in un settore delicatissimo, sia per le caratteristiche dei pazienti, ai quali deve sempre andare il nostro rispetto e tutta la nostra attenzione umana e medica, sia per i rischi che a volte gli operatori si trovano ad affrontare».

«Come Ordine delle Psicologhe e Psicologi del Veneto siamo vicini alla giovane professionista rimasta ferita mentre operava all’interno di una comunità a Zero Branco e le auguriamo completa e veloce guarigione. La nostra categoria opera talvolta in situazioni molto complesse e in condizioni di rischio per la persona, anche in virtù della peculiare e fragile utenza seguita. La professione espone i professionisti e le professioniste psicologhe a evidenti e concreti rischi e al pari di tutte le professioni sanitarie, richiede una particolare tutela per operare in sicurezza». 

Il segretario regionale del Partito democratico, Andrea Martella, aggiunge: «Esprimo alla giovane psicologa di Zero Branco i più sinceri auguri di pronta guarigione e di ritornare presto al suo importante lavoro. La figura dello psicologo è sempre più centrale soprattutto in strutture come quella in cui opera la professionista aggredita. La prossimità di queste figure è fondamentale per non lasciare sole le famiglie e i pazienti con difficoltà».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente al centro disabili, giovane ferisce psicologa con un coltello

TrevisoToday è in caricamento